Rifugio F.A.L.C.

2120 m

Information

General

General

elevation: 2120 m

waypoint_type: hut

capacity_staffed: 30

Download waypoint as

quality: medium

Contact

Contact

phone: +39 3483058548

custodianship : always_accessible

Equipment

Equipment

matress_unstaffed : no

blanket_unstaffed : no

heating_unstaffed : no

gas_unstaffed : no

Licence

Licence

description

Il rifugio FALC (è l'acronimo di Ferant Alpes Laetitiam Cordibus), inaugurato il 18 settembre 1949, di proprietà della Società Alpinistica FALC di Milano, è situato nelle Alpi Orobie ai piedi del Pizzo dei Tre Signori, in località Bocchetta di Varrone (2120m)

Info

Gestore
Sergio Piatta, tel. +39 3483058548; e mail: rifugio2120@gmail.com
Periodo apertura: da metà maggio ai primi di novembre in week-end e festivi, in settimana su prenotazione, tutti i giorni dal 9 giugno al 14 settembre

pedestrian access

Come la montagna che lo sovrasta (il Pizzo dei tre signori), è raggiungibile da più località:

da Laveggiolo 1471m

Alla fine del paese di Gerola Alta svoltare a destra per Laveggiolo (strada in parte non asfaltata). Arrivati alla stanga parcheggiare nel piccolo posteggio e proseguire per la strada chiusa al traffico. Deviare su sentiero discretamente ripido al bivio segnalato dopo circa 20 minuti entrando così nel bosco. Salire seguendo la i segnavia G.V.O. All'ucita del bosco il sentiero spiana e porta fino al rifugio Trona Soliva (m 1907). Imboccare la traccia che sale sui pascoli e che guadagna lentamente quota. Raggiunta una baita svoltare a sinistra lasciando il sentiero che sale ripido verso la bocchetta di Trona. Il traverso porterà in breve al di sopra della diga del lago di Inferno e quindi al rifugio F.A.L.C. E' possibile effettuare una variante salendo alla bocchetta di Trona, aggirando da destra la cresta con la fortificazione della Linea Cadorna per proseguire lungo un sentiero su grossi massi attrezzato con catene di sicurezza. (circa ore 2 e mezza)

Da Pescegallo 1454m

In fondo al piazzale della funivia (superarla lasciandola sulla sinistra) parte un buon sentiero (segnavia 148) che entrato nel bosco guadagna quota fino a raggiungere una piccola baita. Lasciata a sinistra la deviazione per il rifugio Benigni si prosegue attraversando la Val Tronella. Si risale a tornanti un brullo pendio per poi piegare a destra e raggiungere in piano il bel pascolo del Pich (m 1835). Si prosegue verso sinistra su comoda mulattiera e si entra nella Valle della Pietra. Arrivati ad un bivio si lascia a sinistra il sentiero per il lago Rotondo prendendo a destra il sentiero che con una breve discesa porta alla diga del lago di Trona. Attraversata la diga, proseguire lungo il sentiero che in circa 30 minuti porta sotto la diga del lago d'Inferno. Giunti alla base della diga risalire la scalinata ed in pochi minuti si raggiunge il rifugio. Dopo la diga di Trona si incontra una variante denominata “direttissima” che si stacca sulla sinistra e sale per un ripido sentiero su ghiaione e porta al di sopra della diga del lago d'Inferno. I sentieri si ricongiungono a monte della diga. (circa ore 3)

da Gerola Alta 1087m

Dopo il paese di Gerola s'incontra sulla destra la centrale e la funivia di servizio dell'ENEL con un piccolo parcheggio. Imboccare la mulattiera della Valle della Pietra (cartello per Trona Soliva segnavia 118) che sale sulla sinistra del torrente (destra idrografica). Raggiunto il ponte attraversarlo e proseguire lungo la sponda opposta del torrente. Al termine del tratto di fondovalle nei pressi di un traliccio elettrico si incontra un bivio. Prendere a sinistra, segnavia 147, (a destra per il rifugio di Trona Soliva) e salire per diversi ripidi tornanti. Attraversato l'alveo del torrente si prosegue fino alla base della diga di Trona. Risalire la scalinata che porta alla cima della diga. Attraversata la diga, proseguire lungo il sentiero che in circa 30 minuti porta sotto la diga del lago d'Inferno. Giunti alla base della diga risalire la scalinata ed in pochi minuti si raggiunge il rifugio. Dopo la diga di Trona si incontra una variante denominata “direttissima” che si stacca sulla sinistra e sale per un ripido sentiero su ghiaione e porta al di sopra della diga del lago d'Inferno. I sentieri si ricongiungono a monte della diga. (circa ore 3 e mezza)

da Premana 770m

Partenza dal paese o presso la zona industriale di Premana dopo aver lasciato l'auto nei parcheggi limitrofi. In questo secondo caso, giunti ad un piccolo ponte, lo si attraversa ed immediatamente si svolta a sinistra in una carrareccia. Si sale seguendola e si passa per la località Forni (1h) per poi giungere all'imbocco di Varrone di "testata" all'Alta Valvarrone e quindi appena sotto al Rifugio Casera Vecchia di Varrone (m 1672) dove si arriva, costeggiando il torrente Varrone, in circa 1h20 dai Forni. Si segue ancora per 10 minuti e, abbandonato il torrente, si continua verso sinistra sulla carrareccia caratterizzata da numerosi tornanti fino alla Baitella di Tronella (la carrareccia era sentiero fino a poco tempo fa e in certi punti se ne individuano ancora dei tratti). Terminata la carrareccia si procede su sentiero piuttosto ripido per altri 45 min. fino a dove riappare il torrente Varrone. Quindi, lasciando sulla sinistra il sentiero per la Bocchetta di Trona e sulla destra quello che conduce al Rifugio Santa Rita, si arriva al Rifugio Falc in circa 30 min. (circa ore 3 e mezza)

da Ornica 969m

Si parte all'inizio della Valle d'Inferno (segnavia 106) che si percorre tutta in salita costante ino alla Cima Fontane. Si sale ulteriormente su sentiero impegnativo fino alla Bocchetta d'Inferno cui si giunge in circa 2,30 ore. Il sentiero (segnavia 105) ridiscende verso il lago d'Inferno per costeggiarlo fino alla bocchetta di Varrone dove si arriva in circa 40 minuti. Si segue infine verso sinistra per arrivare al rifugio in pochi minuti. (circa ore 3 e mezza)

da Piani di Bobbio 1662m

Dall'arrivo della funivia si prende il Sentiero delle Orobie Occidentali (segnavia 38-101). Per modeste pendenze si supera il Passo del Cedrino e, arrivati al Passo del Gandazzo, si prosegue lasciando sulla sinistra la deviazione per il rifugio Buzzoni. Il sentiero sale con ripida pendenza fino allo Zucco del Corvo (m 1980) per poi superare il Passo del Toro. Da qui il sentiero prosegue più o meno pianeggiante fino alla Bocchetta di Foppabona (m 1991) per ridiscendere dolcemente a mezzacosta e giungere in breve al rifugio Grassi (m 1987). Si percorre la cresta in direzione del Pizzo dei Tre Signori (Sentiero dei Solivi) e si prosegue lungo il Pian delle Parole per giungere alla Bocchetta Alta (m 2234). Prendere a sinistra per il sentiero del Cardinale con bella vista sul lago di Sasso. Arrivati alla bocchetta di Piazzocco (m 2252) si scende sulla destra ed in breve si giunge al rifugio. (circa ore 4)

da Introbio 588m

Appena superato il centro di Introbio si stacca sulla destra la carrozzabile che porta in Val Biandino. Si incontra una stanga dove si può parcheggiare l'auto.Salire lungo i tornanti lasciando sulla destra il sentiero per il rifugio Buzzoni. La carrozzabile prosegue pianeggiante fino al “monumento del partigiano” nei pressi del primo ponte. Attraversato il torrente prendere il sentiero a destra che poco dopo, nei pressi di un piccolo ponte di legno, piega a sinistra su un'antica mulattiera che si reimmette più sopra nella strada carrozzabile. Poco dopo una grande fontana “Fonte di San Carlo” m 1020, s'incontra il Ponte dei Ladri che permette di ripassare sul versante opposto. (E' possibile salire fin qui in auto e lasciarla nel piccolo parcheggio. La strada è sterrata ed in alcuni punti piuttosto sconnessa ed è consigliato l'uso di un'auto a quattro ruote motrici. Il percorso si accorcia di circa un'ora di cammino) Proseguire fino a raggiungere la Bocca di Biandino m 1485. Da qui si prosegue lungo la mulattiera. Si giunge alla chiesa della Madonna della Neve m 1595 e si prende il sentiero che sale in diagonale verso sinistra seguendo le indicazioni per il Rifugio S. Rita m 1988. Prendere per un tratto il sentiero del Bitto che, lasciato alla destra il sentiero per la cresta di Piazzocco, con andamento quasi pianeggiante, attraversa la pietraia sul versante nord-ovest del pizzo Varrone fino ad incrociare un sentiero che si imbocca a destra per raggiungere, poco dopo, il rifugio. (circa ore 3 e mezza)

opening_periods

metà Giugno - metà Ottobre

Comments

No thread yet?

Log in to post the first comment

  • es
  • ca
  • en
  • fr
  • eu
  • de