Mont Blanc du Tacul : Supercouloir

Mont Blanc du Tacul : Supercouloir

{{detailsCtrl.documentService.document.associations.images[0].locales[0].title}}

Application mobile

View off-line all information from this route on the Camptocamp mobile application.

Associated waypoints

View in other lang en - fr - de

Map

  • Swisstopo - 46 - Val de Bagnes
  • Swisstopo - 292 - Courmayeur
  • IGN - 3531ET - St-Gervais les Bains - Massif du Mont Blanc
  • IGN - 3630OT - Chamonix - Massif du Mont Blanc
  • Escursionista - ESC01 - Monte Bianco, Courmayeur

Licence

General

route_types: loop
activities:
durations: 1 day(s)
rock_types: granit
configuration: goulotte

quality: medium

Rating

ED-  
5c
  5  M6    IV    P2 

heights

elevation min/max : 3200 m / 4248 m

height_diff_up: 1000 m

height_diff_difficulties: 800 m

difficulties_height: 3450 m

slope: 85°

gear

glacier_gear: glacier_safety_gear

orientations

E W S N

description

Scalare il mont Blanc du Tacul attraverso il Supercouloir è un'impresa molto seria, richiede un ottimo livello tecnico e una solida esperienza di alta montagna in questo tipo d'itinerario. Il Supercouloir, nel suo genere, è una delle più belle ascensioni del massiccio del Monte Bianco. Questa goulotte separa il pilastro Gervasutti (a destra) del pilastro delle Tre Punte (a sinistra). Questo canale è molto lungo, molto stretto e molto ripido. In estate, non c'è né neve né ghiaccio vi sono pertanto numerose cadute di massi. Occorre dunque scalare questa goulotte quando è ghiacciata, generalmente alla fine dell'inverno o in primavera.

Salita

Supercouloir
Supercouloir

Da l'Aiguille du Midi, scendere la cresta ad E fino a quota 3670m. Da lì, passare il crepaccio terminale e dirigersi tra il gros Rognon e la punta Lachenal. Raggiungere la conca glaciale del versante ENE del mont Blanc du Tacul tra lo sperone centrale che origina dal mont Blanc du Tacul e la pyramide du Tacul. Risalire la conca glaciale a sinistra dello sperone centrale fino ai piedi del Supercouloir (2 ore).

Ci sono due possibilità per cominciare l'ascensione di questa goulotte: - Cominciare direttamente a perpendicolo del canale con due bei tiri di misto (5c/a1), spesso sormontati da un accumulo di neve che si aggira da sinistra (1 chiodo posizionato). - Altrimenti si può cominciare con i primi due tiri del pilastro Gervasutti (5a/5c). Una traversata sulla sinistra attraverso una rampa nevosa permette di raggiungere il canale.

Da lì, le soste sono situate in sponda sinistra, eccetto l'ultima (all'uscita della goulotte) che è sulla sponda destra. Scalare in seguito la goulotte per circa 500m. A metà e alla fine di questa parte, si incontrano due tiri ripidi con lunghi passaggi a 85°. L'ultimo tiro si scala da sinistra. A questo punto, è possibile ritornare in doppia e le quindi le difficoltà maggiori sono terminate. Tuttavia, un'uscita dall'alto è molto più estetica.

Seguire allora le goulotte che diventa meno ripida e si allarga. Continuare dirigendosi a destra fino a raggiungere i piedi della Torre Rossa. Risalire delle rocce facili (a volte delicato a causa del ghiaccio) fino alla fessura a monte della Torre. Passare una piccola breccia da destra (versante NE) e raggiungere la cresta terminale con una facile sezione mista. Si arriva su una cresta dove si devono aggirare da destra molti piccoli gendarmi rocciosi. Scalare l'ultimo dal filo (30m/5b) o evitarlo con una piccola doppia raggiungendo un terreno misto piuttosto facile ed infine la vetta del Tacul. Se si scala il gendarme, si raggiunge la vetta da un breve pendio di neve. Considerare dalle 8 alle 10 ore per questa ascensione.

Discesa

Se i pendii della via normale del mont Blanc du Tacul sono eccessivamente coperti di neve, è prudente scalare soltanto la goulotte del Supercouloir, e quindi solo i primi 600 metri. Scendere allora in doppia utilizzando i punti di sosta attrezzati. Prevedere chiodi e del cordino per rafforzare le soste spesso danneggiate dalla caduta di sassi durante la stagione estiva. Il Supercouloir non porterebbe certo questo nome se non si passa dalla vetta del mont Blanc du Tacul. Dalla cima, dirigersi verso la spalla del Tacul e verso i 4080m, scendere a N e poi in direzione della base del triangle du Tacul passando successivamente 2 crepacci terminali che possono essere ripidi a seconda delle condizioni o della stagione. Raggiungere il col du Midi facilmente e risalire all'aiguille du Midi (2.30 ore).

remarks

L'intera goulotte è orientata a NE. E' quindi esposta al sole fin dall'alba. Occorre tenerne conto per programmare l'orario di partenza. La goulotte esce direttamente in cima al mont Blanc du Tacul a 4248m. Questa ascensione si realizza normalmente durante la stagione invernale e ciò può porre dei problemi durante la discesa della via normale del Tacul in quanto ci potrebbero essere delle placche.

Ci sono 200m di dislivello per raggiungere i piedi della goulotte, 800m per le goulotte (le sezioni più ripide sono a 85° per 2 tiri). A ciò aggiungere 250m per raggiungere l'Aiguille du Midi, per un totale di 1250m.

È possibile realizzare questa ascensione in una sola giornata, tuttavia, è più prudente cominciare molto presto in considerazione dell'orientamento delle goulotte.

Sensitive areas
There are sensitive areas on this route. Please refer to the map.

gear

Ramponi, 2 piccozze tecniche, 8 viti, chiodi, nut e friend, fettucce, 2 corde doppie di 50m.

external_resources

È stata scalata per la prima volta tra il 18 ed il 20 maggio 1975 da Jean Marc Boivin e Patrick Gabarrou.

Comments

No thread yet?

Log in to post the first comment

No thread yet?

Log in to post the first comment

{{::post['created_at'] | amUtc | amLocal | amTimeAgo}}
  • ca
  • eu
  • es