Cima de'Piazzi : dalla Val Lia per la Vedretta di Piazzi

Cima de'Piazzi : dalla Val Lia per la Vedretta di Piazzi

{{detailsCtrl.documentService.document.associations.images[0].locales[0].title}}

Application mobile

View off-line all information from this route on the Camptocamp mobile application.

Associated waypoints

Map

  • Swisstopo - 44 - Passo del Maloja
  • Swisstopo - 269 - Passo del Bernina

Licence

General

route_types: return_same_way
activities:
durations: 1 day(s)

quality: medium

Rating

AD+ / S4

heights

elevation min/max : 1523 m / 3439 m

height_diff: +1916 m / -1916 m

gear

glacier_gear: glacier_safety_gear

orientations

E W S N

description

Salita

Raggiunta l'Alpe Borron proseguire lungo la valle.
Il segnavia estivo, se visibile, marca una piccola traccia di sentiero, da seguire, che sale ripidamente, dopo aver attraversato il torrente, in direzione SW al punto più basso della crestina che dal Bivacco Cantoni, (ben visibile dal basso) prosegue fino al punto quotato m2462, ed oltre. Giunti su questa depressione della cresta (cartello segnaletico estivo), proseguire lungo quest'ultima facilmente in direzione del Bivacco Cantoni, senza raggiungerlo.
Passare alla sua base lasciandolo in alto sulla sinistra per poi guadagnare un pianoro d'origine glaciale da cui si accede all'unico passaggio che consente di superare l'imponente seraccata della Vedretta di Piazzi(quota m2600 circa).
Si tratta di un ripido pendio-canale, stretto tra le rocce della quota m2888 a sinistra (salendo) e la seraccata a destra. All'uscita fare attenzione ad alcuni crepacci a destra e a possibili distacchi di valanghe dai ripidi pendii di sinistra (direzione di marcia) che devono essere tagliati per raggiungere la parte più alta del ramo occidentale del ghiacciaio.
Seguirlo in direzione SE, facendo attenzione ai numerosi crepacci, fin quando un lungo ed imponente seracco sbarra il cammino. Proseguire verso E(sinistra) al fine di evitare il seracco stesso ed al contempo aggirare lo sperone N che scende diretto dalla vetta. Riprendere poi nuovamente a salire in direzione S su pendii glaciali cercando i passaggi più agevoli delle zone "tormentate".
Puntare alla cresta NE per raggiungere la quale può essere necessario spalleggiare gli sci le ultime decine di metri di pendio, come pure sulla breve e ripida pala che conduce in cima.
Sulla vetta struttura metallica e Libro.

remarks

  • Alcuni tratti di ghiacciaio sono particolarmente crepacciati e quindi insidiosi; percorrerlo con ottimo innevamento.
  • Molti tratti dell'itinerario sono soggetti a valanghe: è una gita da affrontare con condizioni di assoluta stabilità.

Sensitive areas
There are sensitive areas on this route. Please refer to the map.

gear

Comments

No thread yet?

Log in to post the first comment

No thread yet?

Log in to post the first comment

{{::post['created_at'] | amUtc | amLocal | amTimeAgo}}
  • de
  • es
  • en
  • eu
  • ca
  • fr