Blüemberg : Dalla Lindernen Hutte giro fino a Chäppeliberg

Blüemberg : Dalla Lindernen Hutte giro fino a Chäppeliberg

{{detailsCtrl.documentService.document.associations.images[0].locales[0].title}}

Application mobile

View off-line all information from this route on the Camptocamp mobile application.

Associated waypoints

Map

  • Swisstopo - 38 - Panixerpass
  • Swisstopo - 246 - Klausenpass
  • Swisstopo - 1172 - Muotatal

Licence

General

route_types: loop
activities:
durations: 1 day(s)

quality: medium

Rating

2.3 / E1
PD+ / S4

heights

elevation min/max : 1727 m / 2405 m

height_diff: +1100 m / -1643 m

Access

lift_access : yes

orientations

E W S N

description

Salita

Da Chappeliberg (1182m) prendere la piccola funivia che porta a Gitschen (1724m, Lindernen hutte a 10 minuti a E in piano). Dalla capanna effettuare un lungo traverso ascendente di circa 3,5 km in direzione E passando per il punto quotato 1831m e il punto 1993m sotto alla fascia rocciosa del Chaiserstock (un traverso a 43 gradi di pendenza) fino ad arrivare alla valletta del Chronenstock in località Blüemalpeli (2097m). Da qui puntare verso ESE all'evidente sella tra il Chronenstock e il Blüemberg. Dalla sella, tolti gli sci, si supera un saltino roccioso a piedi (cavo ancorato, ramponi utili) e si arriva in prossimità dell'ampia vetta che si raggiunge in 5 minuti a piedi.

Discesa

Scendere direttamente dalla vetta per 10 metri e girare a gomito su una piccola terrazza spostandosi verso E per scendere l'ampio pendio NE (S4 200m). Continuare verso NNE lasciando a destra il Rupperslauistöckli e arrivando a quota 2067m. Proseguire nella valletta Achslenteuffi fino a 1907m per poi spostarsi progressivamente verso E per pendenze meno sostenute fino a raggiungere, attraverso una breve strettoia l'alpeggio di Ahöreli (1543m). Da qui scendere per prati ripidi nello splendido bosco di abeti fino alle baite Aebnet (1224m) passando per la baita a quota 1373m. Da Aebnet abbassarsi ulteriormente fino in vista del piano di Rotmatt (1067m) e delle baite di Hellberg (960m). Per scendere al piano bisogna superare 15 metri di fascia boscosa fitta con un piccolo salto di roccia (2m), passaggio possibile senza sci.
Da Rotmatt si puo' scendere fino allo splendido paesino di Muotatal seguendo la mulattiera che si sposta verso NW superando un torrenete (ponte) e le baite di Bürgeli da cui spostandosi verso NE si arriva al paese in località Schachen (606m)per 1800 metri di discesa.

Da Rotmatt nel caso in cui si debba raggiungere il parcheggio di Chäppeliberg conviene rimettere le pelli e risalire la Goldplangg per l'evidente mulattiera passando per Frutt (1083m), Grindsblacken (1193m), traversare il torrente sulla sponda sinistra orografica su un ponte e risalire fino alle baite quota 1436m in modo da passare alti sopra la forra di Höchi (1487m). Da qui traversare verso W fino a quota 1444m da dove si cominciano a scendere gli ampi pendii fino alla strettoia del torrente in località Chatzenschroanz (1231m) che si segue per 200 metri fino ad uscirne sulla destra per ultimare la discesa lungo la carrozzabile .

remarks

  • Dislivello modesto se effettuato dal rifugio per una discesa tra le più celebri della svizzera centrale nella culla dello scialpinismo (a Muothatal arrivò nel 1883 Iselin dopo la conquista del colle del Pragel in traversata da Glaris, data ufficiale della nascita dello scialpinismo) e della Svizzera (Altdorf era il paese di Guglielmo Tell)
  • «Fu solo nel gennaio 1893 che Cristoforo Iselin di Glaris e tre suoi amici, dopo essersi lungamente dedicati all'esercizio del nuovo sport, riuscirono a superare il colle del Pragel (m 1554), traversata giustamente considerata come l'origine delle escursioni di montagna in sci.
    Iselin e i suoi compagni si erano dati appuntamento un sabato sera, al calar della notte e ad una rispettabile distanza da Glaris, tutto questo per evitare gli scherni dei loro compaesani. Tra di essi, fra cui anche un norvegese, calzavano gli sci, solo il quarto portava delle racchette e la gita doveva servire a decidere se la superiorità fosse da attribuire alle racchette od agli sci» [Da "Alpinismo Invernale", di Marcel Kurz]
  • Il breve tratto di cresta può essere ghiacciato. Il traverso sotto il Chaiserstock può essere effettuato solo in condizioni sicure (43 gradi per un breve tratto). Per la discesa occorre ottimo innevamento e buon orientamento per trovare il passaggio della fascia rocciosa sopra Rotmatt e per il successivo tratto fino a Muotatal (bosco fitto e ripido). Il passaggio di Chatzenschroanz sopra Chäppeliberg ha bisogno di molta neve.
  • N per il traverso, NE per la discesa

Sensitive areas
There are sensitive areas on this route. Please refer to the map.

gear

  • Con neve ghiacciata il breve tratto attrezzato adducente alla vetta può richiedere l'uso dei ramponi.

Comments

No thread yet?

Log in to post the first comment

No thread yet?

Log in to post the first comment

{{::post['created_at'] | amUtc | amLocal | amTimeAgo}}
  • en
  • es
  • fr
  • eu
  • ca
  • de