Piz Platta : dalla Val d'Avers

Piz Platta : dalla Val d'Avers

{{detailsCtrl.documentService.document.associations.images[0].locales[0].title}}

Application mobile

View off-line all information from this route on the Camptocamp mobile application.

Associated waypoints

Map

  • Swisstopo - 43 - Sopra Ceneri
  • Swisstopo - 44 - Passo del Maloja
  • Swisstopo - 267 - San Bernardino
  • Swisstopo - 268 - Julierpass / Pass dal Güglia
  • Swisstopo - 1256 - Bivio
  • Swisstopo - 1255 - Splügenpass

Licence

General

activities:
durations: 1 day(s)

quality: medium

Download track as

Rating

3.3 / E2
AD+ / S4

heights

elevation min/max : 1921 m / 3392 m

height_diff: +1471 m / -1471 m

route_length: 6.98 km

orientations

E W S N

description

Salita

  • a) Parcheggiata la macchina 300 m prima del nucleo di Pürt seguire inizialmente la strada per ca 150 m per poi imboccare sulla sinistra una strada sterrata che porta verso gli alpeggi soprastanti il paese. Per ripidi pendii e passando nelle vicinanze di due piccole baite puntare decisamente verso il costone della Bandfluh il più in alto possibile a seconda delle condizioni: quindi cominciare un lungo traverso ascendente in direzione NE (ripido, richiede neve assestata) sino a che non si guadagna il fondovalle a ca quota 2600 m.
  • b) dal centro del paesino di Cresta 1960m (in loco una cartina 1:30000) prendere E il sentiero indicante Bandsee, passare per Glettli e raggiungere la q 2514 poco sotto Büel. Questo è l'avvicinamento più seguito perchè più comodo e con pendenze più adatte alla salita.

Ora l'itinerario è ben visibile: puntare per pendii sempre più ripidi in direzione NE alla bastionata che sembra sbarrare la via e una volta giunti alla base della stessa piegare decisamente a sinistra ed entrare in un piccolo anfiteatro. Da qui si nota con precisione il canalino che permette di scavalcare la barriera rocciosa del Taellihorn; su pendenze sempre sostenute salire con gli sci sino dove è possibile e poi a piedi risalire il canalino (200m, AD, max 45°) che rappresenta il passaggio chiave dell'itinerario.
Una volta raggiunto il plateau sommitale della Vadret da Piz Platta (ca 3130m) rimettere gli sci e in direzione N, contornando sulla sinistra il bordo della barriera rocciosa appena scavalcata, raggiungere la quota 3240. Depositare gi sci e per facili roccette e piccoli canalini (40°) arrivare in cima.

Variante : dal plateau è possibile sempre con gli sci puntare verso NE sino alla base della cresta SE e quindi risalire a piedi (40° max) il pendio fino alla cima.

Discesa

  • per l'itinerario di salita a).

  • E' possibile in traversata scendere sul versante opposto con discesa su Faller e Mulegns, su Marmorea e su Stalveder (strada dello Julier Pass).

remarks

  • Dislivello non eccessivo ma buon sviluppo.
    Gita complessa per la ripidità dei pendii e per l'alternarsi di tratti alpinistici.
    I tratti a piedi presentano pendenze sino a 45°. Il canale che scavalca la cresta e adduce al plateau sommitale è il punto cruciale della salita per lunghezza, pendenza ed esposizione.
    Necessarie condizioni di assoluta stabilità del manto nevoso.

  • La variante di discesa su Mulegns, interessante per il maggior dislivello e per la discesa su quadranti settentrionali ma meno tecnica, non avendo il canalino chiave della salita, è fattibile solo se si ha un'auto a Mulegns. Viceversa il ritorno in Val d'Avers con mezzi pubblici comporta tempi di 3-4 ore o più.

Sensitive areas
There are sensitive areas on this route. Please refer to the map.

gear

Piccozza, ramponi.

Comments

No thread yet?

Log in to post the first comment

No thread yet?

Log in to post the first comment

{{::post['created_at'] | amUtc | amLocal | amTimeAgo}}
  • es
  • ca
  • eu
  • en
  • de
  • fr