Punta di Rabuigne : Per il versante NW

Punta di Rabuigne : Per il versante NW

{{detailsCtrl.documentService.document.associations.images[0].locales[0].title}}

Application mobile

View off-line all information from this route on the Camptocamp mobile application.

Associated waypoints

View in other lang fr

Map

  • Escursionista - ESC03 - Valgrisenche - Val di Rhemes

Licence

General

route_types: return_same_way
activities:
durations: 1 day(s)

quality: fine

Rating

3.3 / E2
AD / S4

heights

elevation min/max : 1800 m / 3261 m

height_diff: +1460 m / -1460 m

orientations

E W S N

description

Itinéraire Punta di Rabuigne depuis Valgrisenche
Itinéraire Punta di Rabuigne depuis Valgrisenche

Salita

Da Surier proseguire sullo sterrato in direzione del Rif Bezzi e dopo circa 300 metri girare a sinistra su altra strada sterrata che in circa 3 km conduce nei pressi del Rifugio de l'Epee (è possibile anche utilizzare parte del sentiero).
Al rifugio si può anche arrivare dall'itinerario del Sigaro di Cussuna (Dalla cappella a quota a Prariond 2042 m, è possibile salire prima per bosco poi per pendii aperti al ripiano che costeggia tutta il Truc de la Seja. Qui si può giungere comodamente dall'itinerario della Val Cussuna piegando a S verso quota 2200 m. Lo si contorna tutto perdendo 50 m di quota verso S per entrare nel vallone de L'Epée).
Si può invece giungere al rifugio partendo dalla mulattiera che da Lo Rocher 1900m sale diagonalmente verso S nel bosco rado arrivando ad un canale tra pini mughi.

Variante

Dall’Hotel Foyer de Montagne seguire la strada che sale sulla destra orografica al piano della diga di Beauregard, si segue la strada fin dopo la galleria, poi si taglia a sx per strade poderali e boschi radi (salendo puntare a dx) fino a trovare i pendii lungo la traccia dell'alta via che porta a monte del rifugio Epée.

Dal Rifugio risalire i dossi soprastanti e giungere ad un primo pianoro nei pressi di un piccolo laghetto.
Da qui sono possibili due soluzioni:
a) La prima più diretta e ripida ma anche più delicata da farsi con condizioni sicure consiste nel puntare all'evidente morena ormai diventata la prosecuzione della quota 2670 e lasciando alla propria destra l'imbuto del ghiacciaio di Lepere.
b) la seconda invece più lunga ma più sicura : si prosegue diritti nel pianoro, lasciando alla propria destra la suddetta quota 2670 e per pendii dapprima poco inclinati ma in seguito più ripidi ci si ricongiunge alla variante a).
Ora la parte finale (ca 35°, in contropendenza e non sempre fattibile con gli sci ai piedi) è ben visibile: raggiungerla e gaudagnarla risalendo l'ampio vallone centrale posto sotto i roccioni della Cima del Bouc o stando sul versante opposto sotto i contrafforti del Monte Forciaz. Una volta "scollinati", in pochi minuti si raggiunge la cima.

Discesa

per le varianti di salita.

remarks

  • Il tratto più impegnativo è dato dalla pala finale, molto inclinata e in contropendenza che richiede spesso la risalita a piedi e anche con ramponi)

Sensitive areas
There are sensitive areas on this route. Please refer to the map.

gear

Piccozza, ramponi

Comments

No thread yet?

Log in to post the first comment

No thread yet?

Log in to post the first comment

{{::post['created_at'] | amUtc | amLocal | amTimeAgo}}
  • de
  • eu
  • es
  • en
  • ca