Pizzo Torrone Orientale : Via Osio Canali

Pizzo Torrone Orientale : Via Osio Canali

{{detailsCtrl.documentService.document.associations.images[0].locales[0].title}}

Application mobile

View off-line all information from this route on the Camptocamp mobile application.

Associated waypoints

Map

  • Swisstopo - 44 - Passo del Maloja
  • Swisstopo - 278 - Monte Disgrazia
  • Swisstopo - 1296 - Sciora

Licence

General

route_types: loop
activities:
durations: 2 day(s)

quality: medium

Rating

  A1    IV    P1 

heights

elevation min/max : 2540 m / 3333 m

orientations

E W S N

route_history

R.Osio, J.Canali - 18 luglio 1956. A cavallo degli anni '50 Roberto Osio e Jack Canali sono stati, soprattutto in ambito lombardo, figure di spicco ma senza clamore, sia nella ripetizione di itinerari allora ritenuti estremi, che per l'apertura di nuove vie. Non è dato sapere cosa li legò insieme, spinti dal desiderio di salire lo spigolo del Torrone Orientale: immaginiamo l'entusiasmo nello scoprire che una linea così evidente sulla lontana vetta dell'omonima valle, così ben visibile da San Martino, non era ancora stata salita. Il risultato fu una bella realizzazione, divenuta ormai classica e ripresa spesso anche negli ultimi anni, soprattutto grazie a una nuova soluzione di discesa relativamente agevole. Ripercorrere le loro tracce significa tuffarsi in un alpinismo d'antan, che regala soddisfazioni impagabili sia per l'ambiente che per l'atmosfera di grande solitudine che regna ancora in questi luoghi (relazione 2007).

description

Salita grandiosa, su una delle montagne più affascinanti del Masino. La parte di spigolo vero e proprio è solo quella superiore, esposta e ariosa. La prima parte segue un lungo canalino, traversa per placche e diedri fino a un ballatoio vertiginoso, oltre il quale parte la lunghezza chiave, una fessura diedro che si sale nei primi metri in artificiale e, dove si trasforma in lama, con bellissima arrampicata. La zona di raccordo tra l'avancorpo e la torre si supera con percorso non obbligato sul lato ovest, evitando di portarsi troppo vicini allo spartiacque, fatto di torrioni aggettanti. La vetta è sospesa tra Masino, Forno e Cameraccio e offre un panorama d'eccezione. Roccia ottima nelle lunghezze impegnative, un po' sporca nei tratti facili, che non svalutano assolutamente l'ascensione.

287929
287928

Avvicinamento

Da San Martino entrare in Val di Mello (parcheggio presso il Gatto Rosso, accessibile solo fuori stagione; diversamente usare il bus navetta). Per lungo e faticoso sentiero, incerto sopra i 2000 m, fino al bivacco Manzi-Pirotta (2540 m - 5 ore circa). Da qui il giorno successivo seguire il sentiero Roma fino al Passo del Cameraccio (2950 m ­ 1 ora abbondante, a seconda dell'innevamento). L'attacco è nei pressi del canalino obliquo che contraddistingue la base della parete, a destra del filo e 30 m sopra il passo. Cinque-sei ore per la via, tre ore per tornare all'attacco; tre ore abbondanti per rientrare in Val di Mello

Via

Da completare...
Vedere schizzo.

Discesa

Dalla vetta si scende in arrampicata sino alla prima sosta attrezzata. Con quattro calate si raggiunge la spalla che si percorre per prato, zigzagando, fino a raggiungere una calata attrezzata su uno spuntone sul lato est. Raggiungere una cengia erbosa e scendere con attenzione fino alla successiva calata, al termine della quale bisogna risalire una conca rocciosa, fino a una spalla (III grado). Da qui con due calate da 60m abbastanza dirette si raggiunge la base (l'ultima è in un canale ed è stata attrezzata nel corso della ripetizione); diversamente bisogna obliquare a destra (faccia a valle) e raggiungere le soste della via, come da schizzo. Discesa lunga e impegnativa, con molti tratti in cui bisogna sapersi muovere in scioltezza su terreno esposto, ma sicuramente preferibile alla via normale divenuta, in assenza di neve, troppo pericolosa per il terreno infido e le scariche frequenti.

remarks

  • 14 lunghezze
  • Impegno: 4-via superiore ai 500 metri, distante dal fondovalle, con ritirata complicata
  • Attrezzatura: via alpinistica con protezioni tradizionali, mediamente proteggibile, con protezioni più rade, ma voli senza conseguenze (R2)
  • Difficoltà: VI/A1
  • Roccia: gneiss
  • Accesso stradale: Milano ­ Lecco ­ Morbegno ­ Ardenno ­ San Martino ­ Val di Mello
  • Logistica: Bivacco Manzi-Pirotta (2540 m). Arredo essenziale, ma confortevole.

Sensitive areas
There are sensitive areas on this route. Please refer to the map.

gear

Due corde (meglio se da 60 metri, per la discesa), una serie di dadi e friends. Ramponi e bastoncini a inizio stagione.

Comments

No thread yet?

Log in to post the first comment

No thread yet?

Log in to post the first comment

{{::post['created_at'] | amUtc | amLocal | amTimeAgo}}
  • de
  • es
  • fr
  • eu
  • ca
  • en