Pizzo di Scotes : in traversata dalla Valle d'Arigna alla Valle di Scais.

Pizzo di Scotes : in traversata dalla Valle d'Arigna alla Valle di Scais.

{{detailsCtrl.documentService.document.associations.images[0].locales[0].title}}

Application mobile

View off-line all information from this route on the Camptocamp mobile application.

Associated waypoints

Licence

General

route_types: traverse
activities:
durations: 1 day(s)
configuration: face

quality: medium

Rating

F     III 

heights

elevation min/max : 1041 m / 2978 m

height_diff: +2000 m / -1800 m

height_diff_difficulties: 200 m

slope: 40/45° gli ultimi 200 m circa di dislivello della la pala finale.

description

Dalla centrale idroelettrica dell'Armisa, in località Ca' Pizzini 1041 m, si sale al Bivacco Alfredo Corti 2509 m (vedi itinerario> http://www.camptocamp.org/huts/113793/it/bivacco-corti ,posto a destra (NW) della Vedretta del Lupo.

Dal bivacco, dirigersi in direzione WNW (bolli bianco-rossi) per salire il detritico vallone con eventuali residui di neve, posto fra la quota 2674 m e le propaggini orientali del Pizzo di Scotes. Raggiunta la sella a quota 2724 m, (a S della Motta della Pioda 2788 m; quest’ultima vetta, quotata ma non nominata sulla tavola IGM 1:25000, é citata sulla guida delle Alpi Orobie del 1957). Da questa sella si attraversa verso W, sempre seguendo le segnalazioni, fin sotto la verticale della parete NNW del Pizzo di Scotes. Ora salire tutta la parete (40/45°) su detriti mobili e neve fino alla vetta.
In discesa ripercorrere la parete fino a circa 2750 m, (da qui è possibile tornare per la via di salita), poi seguendo i bolli salire alla Bocchetta di Scotes 2800 m circa. In alcuni tratti sono state attrezzate delle catene (numerosi ancoraggi sono attualmente usciti dalla roccia; è richiesta particolare prudenza nell’utilizzo delle catene!). Una volta raggiunto lo spartiacque fra la Val d'Arigna e quella di Scais, su terreno friabile si segue un sistema di cenge (bolli bianco-rossi) a raggiungere la sella posta sulla cresta W del Pizzo degli Uomini, a circa 2800 m. Scendere in seguito, senza più difficoltà, fino al dosso quotato 2231 m detto appunto Gli Uomini, da dove un sentiero cala al Rifugio Luigi Mambretti 2003 m. Poi per sentiero segnalato si scende, passando per le Baite Caronno 1612 m e per le Baite di Scais 1541 m al Lago di Scais 1494 m. Infine per la strada di servizio della diga, si raggiunge Agneda 1228 m.

remarks

la pala finale sotto la cima oltre i 2700 m circa, per lungo periodo dell'anno è spesso innevata.
Se si decide di fare la traversata, organizzarsi con 2 macchine una ad Armisa in Val d'Arigna e l'altra ad Agneda in Val di Scais.
Questo itinerario può essere percorso anche in senso inverso con più o meno le medesime difficoltà, anche se: visto che la salita dalla Valle di Scais è esposta ad W e la discesa quella della Valle d'Arigna ad E, si perderebbero diverse ore di sole sull'itinerario, rendendolo è poco cosigliabile per questo motivo.

Sensitive areas
There are sensitive areas on this route. Please refer to the map.

gear

Picozza-ramponi e casco, eventualmente cordino di 20 m circa per fare sicurezza in qualche possibile breve tratto.

external_resources

Se vi interessa visionare il grandioso panorama che si può godere da questa cima in data 11-09-2010 clicca quì :
http://www.mountainpanoramas.com/p/p.html?panoid=2010_AO in altissima risoluzione e zummabile

http://www.alpen-panoramen.de/panorama.php?pid=11533&ds (e più piccola)
in seguito cliccando su Ubersicht sotto la panoramica, escono anche i nomi delle cime circostanti.
Quì anche dalla Motta della Pioda 2788 m
http://www.alpen-panoramen.de/panorama.php?pid=11578
in seguito cliccando su Ubersicht sotto la panoramica, escono anche i nomi delle cime circostanti.

Associated routes

Associated articles

Associated books

Associated xreports

Comments

No thread yet?

Log in to post the first comment

No thread yet?

Log in to post the first comment

{{::post['created_at'] | amUtc | amLocal | amTimeAgo}}
  • fr
  • es
  • eu
  • ca
  • de
  • en