Rocchetta Alta di Bosconero : via Navasa (o delle grole)

Rocchetta Alta di Bosconero : via Navasa (o delle grole)

{{detailsCtrl.documentService.document.associations.images[0].locales[0].title}}

Application mobile

View off-line all information from this route on the Camptocamp mobile application.

Associated waypoints

View in other lang es - fr

Licence

General

route_types: loop
activities:
durations: 1 day(s)
rock_types: calcaire

climbing_outdoor_type: multi

configuration: face

quality: medium

Rating

TD+  
6b > 5c

  A0    IV    P2 

heights

elevation min/max : 1457 m / 2412 m

height_diff: +900 m / -900 m

height_diff_difficulties: 550 m

difficulties_height: 1800 m

orientations

E W S N

route_history

Milo Navasa, F. Baschera, C. Dal Bosco - 1965 Negli anni in cui, soprattutto nelle Dolomiti, l'arrampicata andava alla deriva grazie all'abuso dei chiodi a espansione usati per tracciare improbabili linee impossibili e "uccidere il drago", un alpinista veronese - semi-sconosciuto fuori dal suo ambiente - scovò, in mezzo a una parete verticale e impressionante, il modo per passare con mezzi leali. Malgrado il ricorso all'artificiale, infatti, la salita si svolse seguendo le pieghe naturali che la roccia offriva, usando le fessure e progredendo su difficoltà costantemente intorno al VI grado. A quarant'anni di distanza Milo Navasa, che ha smesso da tempo di arrampicare per dedicarsi ad altre profondità (quelle marine) può essere considerato un antesignano della rinascita e del rilancio dell'avventura verticale avvenuto a partire dalla metà degli anni '70.

description

Indubbiamente una delle vie più belle delle Dolomiti e delle Alpi, per la logica del percorso, la qualità della roccia, l'estetica dei passaggi, la bellezza dell'ambiente, appartato rispetto alle zone più note. L'artificiale è limitata al breve aggiramento del primo tetto, dove peraltro sarebbe possibile passare in libera se i chiodi fossero allungati con qualche cordino. Per il resto una incredibile successione di placche verticali, fessure, diedri, con prevalenza di una arrampicata esterna molto congeniale alla nostra epoca.

280930
280928

Avvicinamento

Dal parcheggio si sale per sentiero evidente in meno di un'ora al Rifugio Casera di Bosconero; indi si imbocca la traccia che sale in direzione della Forcella Toanella, dapprima per rado bosco di larici, poi per pietraie. La si abbandona, traversando in piano, solo quando si è giunti all'altezza dell'attacco, situato al centro della parete nord, alla base di una evidente rampa. Mezz'ora dal rifugio.

Via

Da completare
Vedere schizzo
per la via calcolare 10-12 ore.

Discesa

Dalla cima si scende sul versante del Sasso di Toanella, traversando in obliquo tra mughi e pietraie, con qualche salto roccioso (II grado, ometti) fino a raggiungere il profondo canale che divide il Sasso dalla Rocchetta. Se non c'è neve si scende senza particolari difficoltà nel canale, utilizzando verso la parte bassa qualche ancoraggio per brevi doppie. Al termine del canale si prende il sentiero che scende dalla Forcella di Toanella e si rientra al rifugio. Due ore abbondanti per la discesa.

remarks

Accesso stradale: Belluno ­ Longarone ­ bivio a sinistra per la Val di Zoldo ­ parcheggiare qualche chilometro prima di Forno di Zoldo, in prossimità della partenza del sentiero per il Rifugio Bosconero (in prossimità del Lago di Pontesei). Cartello indicatore.

Logistica: Rifugio Casera di Bosconero, 1457 m, tel. 0437 787664

Sensitive areas
There are sensitive areas on this route. Please refer to the map.

gear

Dadi e friends

external_resources

G.Buscaini, Dolomiti orientali, Ed. Zanichelli 1984 A.Gogna, Sentieri verticali, Ed. Zanichelli 1987

Comments

No thread yet?

Log in to post the first comment

No thread yet?

Log in to post the first comment

{{::post['created_at'] | amUtc | amLocal | amTimeAgo}}
  • en
  • eu
  • ca
  • de