Monte Rosa - Punta Nordend : dalla Monte Rosa Hutte
{{ '2018-05-12' | amDateFormat:"dddd Do MMMM YYYY" }}

Monte Rosa - Punta Nordend : dalla Monte Rosa Hutte
{{ '2018-05-12' | amDateFormat:"dddd Do MMMM YYYY" }}

Application mobile

View and save your outputs directly on the field using the Camptocamp mobile application.

Licence

General

activities

quality: fine

Rating

3.2
AD-

heights

elevation min/max : 2883 m / 4609 m

height_diff: +1726 m / -1726 m

participants

participant_count: 2

dutur, con demis

route_description

Itinerario classico dalla monterosahutte.

Siamo partiti da Zermatt salendo fino al Trockener Steg. Con le pelli fino alla Gandeghutte e quindi sul costone roccioso che divide il Ghiacciaio del Teodulo fino a quota 3111 dove abbiamo trovato un canale piuttosto ampio che ci ha permesso di scendere verso il ghiacciaio del Teodulo inferiore. Bella discesa nel bacino del ghiacciaio del Teodulo inferiore fino alla confluenza con il ghiacciaio del Grentz dove ci siamo immessi circa in corrispondenza del Riffelhorn. Restando sul lato orografico sinistro abbiamo risalito tutto il ghiacciaio alle pendici dei Breithorn per poi tagliare il ghiacciaio del Grentz tra i seracchi fino alla morena sottostante la Monterosahutte. Percorso tracciato con qualche difficoltà ad individuare il punto di discesa sul ghiacciaio del Teodulo.
Avvicinamento piuttosto lungo: sarebbe stato meglio prendere il treno e fare il classico avvicinamento da Rothenboden spallando gli sci fino al ghiacciaio del Gorner senza seguire le indicazioni dei rifugisti che ci hanno fatto fare questo giro panoramicamente bello ma lungo.

weather and conditions


Cielo terso
gran mare di nubi sulla pianura


Condizioni generali ottime: le recenti precipitazioni hanno lasciato un bello strato di neve compatta in alta quota. La cresta era tutta in neve, ben tracciata, aerea (sempre sul filo) e divertente. Roccette pulite che si sono lasciate salire senza problemi. Dalla Monterosahutte ottima traccia. Utilizzati i rampant solo nella parte inferiore. Toltili sopra quota 3400, non li abbiamo più messi fino al deposito sci.
La traccia portava verso la Dufour per poi deviare tagliando obliquamente le grandi seraccate: passaggio tra i crepacci facile sempre con gli sci ai piedi.
Discesa lungo il ghiacciaio piuttosto veloce con qualche spinta. Sci ai piedi fino all' ingresso delle gole poi con gli sci in spalla siamo saliti per tracce ed ometti tra sfasciumi e rocce montonate (alcuni passaggi faticosi sulle rocce montonate con gli scarponi ai piedi) e discesa verso il Furi prima su tracce, poi sentiero ed infine strada.

Associated routes

Associated articles

Associated xreports

Comments

No thread yet?

Log in to post the first comment

No thread yet?

Log in to post the first comment

{{::post['created_at'] | amUtc | amLocal | amTimeAgo}}
  • en
  • es
  • fr
  • eu
  • ca
  • de