Monte Giusalet : La riscossa del feudatario - parete W
{{ '2007-04-22' | amDateFormat:"dddd Do MMMM YYYY" }}

Monte Giusalet : La riscossa del feudatario - parete W
{{ '2007-04-22' | amDateFormat:"dddd Do MMMM YYYY" }}

Application mobile

View and save your outputs directly on the field using the Camptocamp mobile application.

Licence

General

activities

quality: medium

Rating

5.2
TD

heights

height_diff_up: 1500 m

Access

access_condition: cleared

snow

elevation_up_snow: 2200 m

elevation_down_snow: 2100 m

glacier_rating: easy

participants

Federico Negri, Enzo Guru Ala

weather and conditions


Tempo bello e sole subito caldo; all'auto iniziavano a cadere le prime gocce di temporale


Fino a 2850 10 cm di farina del temporale notturno su fondo duro; sotto più molle fino alla pauta del traverso del lago Bianco.

timing

6:20 partenza; 15 arrivo

access_comment

Ogggisi sale comodamente fino a q. 1900

personal comments

il versante ovest del giusalet ce lo lumavamo da anni. poi 3 anni fa il guru ed io abbiamo deciso di unire le forze.
primo tentativo a maggio 2004, abortito sotto una nevicata. la settimana successiva notte passata al mestrallet, poi salita la parete. ma il sole non scalda, un vento forte da ovest sfersa la parete e la neve resta ghiacciata. discesa dal pendio nord.
la scorsa domenica nuovo assedio alla parete. il guru porta un po' di forestieri (andrea bumbum, mario monaco e marilena) ad ubriacarsi e a dormire al mestrallet, mentre io e giorgio bavastrello dormiamo in auto a planay e ce la facciamo in giornata. giorgio senza ramponie marilena salgono dalla nord mentre noi dalla ovest. in punta ci ritroviamo con enzo cardonatti, enrico scagliotti e andrea schenone, mito di genova.
giorno di nuvole basse e nebbie che non si stacano dalla parete. solo mario monaco scende, facendo la prima della parete e creando turbe psicologiche mica da ridere ad enzo guru ala, feudatario della zona, che per tutta la settimana affila lamine e medita vendetta...
oggi mi è toccato accompagnarlo, ma questa volta siamo partiti dal lato italiano. alla partenza c'erano anche luca savoja, alberto chiesa e dustin, l'amico maratoneta.
in poco più di 4 ore eravamo in punta.
10 cm di zucchero su fondo ghiacciato, ecco la ovest oggi. partiti dalla punta, aggirata la strozzatra, poco sciabile, lungo un pendio parallelo molto esposto. canale in super condizioni, anche grazie alle lamine ultra tirate.
nella parte bassa qualche litigio con la cengia da seguire (cannata un paio di volte, con tanto di scalettate su neve marcia), ma alla fine individuata quella giusta e... urlo liberatorio del guru che per poco non fa cadere i due malcapitati che stavano scendendo lo scivolo ne dei denti d'ambin.
ritorno eterno per riagganciare il lago bianco e la via normale fino alla diga. alla macchina evitando al pelo temporale pomeridiano.
luca savoja & c, hanno sceso la variante joseph della nord del giusalet. a vedere le curve lasciate nella farina sembra si siano divertiti parecchio...

spezzone video:

Associated routes

Associated articles

Associated xreports

Comments

No thread yet?

Log in to post the first comment

No thread yet?

Log in to post the first comment

{{::post['created_at'] | amUtc | amLocal | amTimeAgo}}
  • es
  • fr
  • ca
  • de
  • en
  • eu