Grande Ciamarella : Face N dal bivacco Soardi Fassero
{{ '2017-06-11' | amDateFormat:"dddd Do MMMM YYYY" }}

Grande Ciamarella : Face N dal bivacco Soardi Fassero
{{ '2017-06-11' | amDateFormat:"dddd Do MMMM YYYY" }}

Application mobile

View and save your outputs directly on the field using the Camptocamp mobile application.

Licence

General

activities

frequentation: quiet

condition_rating: good

quality: fine

Rating

D-     III 

heights

elevation min/max : 1300 m / 3676 m

height_diff: +2500 m / -1900 m

Access

access_condition: cleared

hut_status: open_non_guarded

snow

snow_quantity: good

snow_quality: good

glacier_rating: easy

avalanche_signs: no

participants

participant_count: 2

Marsilio Luca, Marco e Manuela

route_description

Partiti da Forno Alpi Graie, dormito al bivacco Soardi Fassero, ridiscesi per la via normale a Pian della Mussa. Usate due Macchine.

weather and conditions


Sereno e con poco vento. Rigelo ancora buono, ma era l'ultimo giorno.


La parete nord della Ciamarella è in realtà una nord est. Quindi con i ghiacci in ritirata, a mio avviso la parete rimante in condizione solo un paio di settimane a fine maggio / inizio giugno.
Ad inizio giugno inizia a prendere sole, anche se solo di lato, a partire dalle 7h30. Occorre che ci sia uno zero termico adeguato sia durante la notte che durante il giorno.
Noi l'abbiamo presa per i capelli l'ultimo giorno utile di quest'anno. Con la bolla di caldo africano la parte bassa si scioglierà velocemente.
In alto causa scarsa neve di quest'anno c'erano già le due zone di ghiaccio affioranti.
Giovedi una cordata di Varallo l'ha salita traversando a sinistra sul memmellone e uscendo quasi in vetta (tracce).
Noi arrivati al ghiaccio abbiamo appoggiato a destra e siamo usciti per roccette e nevaio.
Tenuto conto del grande dislivello, se la si fa quando in condizioni, ad inizio stagione, con un buon rigelo e non si vuole salire direttamente il ghiaccio modello vetro di bottiglia, a mio avviso basta una corda da 40m, due viti da ghiaccio e 6 chiodi (due bladeknife, due a U e due normali).
Occorre però sincerarsi delle condizioni della parete e verificare che il ghiaccio vivo non sia troppo esteso, in questo sono utili le foto degli scialpinisti che bazzicano la zona in primavera inoltrata.
Noi siamo scesi a Pian della Mussa in circa 3h30 (avevamo due macchine).
Ma volendo se innevata e con uno zero termico non troppo alto, si puo' scende lungo la cresta est. Io penso che in 1h30 si è di nuovo al bivacco; Poi occorre ritornare a Forno.
Alla partenza dal bivacco, attenzione, non prendere il sentiero che parte in piano (quello che porta all'acqua) ,a scendere di circa 20 metri ed andare a reperire una traccia con ometti.

timing

Partiti alle 4h00 dal bivacco; alle 16h00 a Pian della Mussa. Calcolare 4 ore di salita al bivacco il primo giorno, 3h00 di avvicinamento; 3h00 di salita; 3h00 di discesa. Noi abbiamo sforato di un'ora in ciascuna delle tre parti.

access_comment

Il vallone di Sea è lungo. Anche se indicano 3 ore, con gli zaini pesanti fare tranquillamente 4 ore. Non riempire la borraccia tanto c'e' acqua lungo tutto il percorso.

hut_comment

Tenuto perfettamente. Acqua a 30 secondi in direzione ovest - lato francia. E' presente una luce al neon all'interno del bivacco con interruttore e di notte all'esterno per tutta la notte.Dormito veramente bene.

personal comments

Approccio lungo il vallone di Sea magnifico.

Associated routes

Associated articles

Associated xreports

Comments

No thread yet?

Log in to post the first comment

No thread yet?

Log in to post the first comment

{{::post['created_at'] | amUtc | amLocal | amTimeAgo}}
  • ca
  • de
  • fr
  • en
  • es
  • eu