Monte Rinalpi : per l'Alpe Borron e la Val Lia
{{ '2017-04-30' | amDateFormat:"dddd Do MMMM YYYY" }}

Monte Rinalpi : per l'Alpe Borron e la Val Lia
{{ '2017-04-30' | amDateFormat:"dddd Do MMMM YYYY" }}

Application mobile

View and save your outputs directly on the field using the Camptocamp mobile application.

Licence

General

activities

frequentation: quiet

condition_rating: excellent

quality: fine

Rating

PD

heights

elevation min/max : 1750 m / 3009 m

height_diff: +1650 m / -1650 m

snow

elevation_up_snow: 1750 m

elevation_down_snow: 1750 m

snow_quantity: good

snow_quality: excellent

participants

participant_count: 5

fedora rota, Ivan, Riki, Eno, Gigi. E altri 6 bergamaschi incontrati sul percorso

route_description

Non abbiamo raggiunto la vetta passando dal Passo Rinalpi, ma, poco prima di questo, siamo saliti dai pendii più a sx arrivando alla depressione lungo la cresta tra il Corno San Colombano e il Monte Rinalpi. Da qui seguito la comoda dorsale verso destra fino in vetta.
Dopo la prima discesa, a q. 2600m abbiamo ripellato salendo stavolta al Passo Rinalpi e poi fino a un'elevazione (2970 m) lungo la cresta che scende dalla Cima Piazzi

weather and conditions


Giornata di sole spaziale, assenza di vento e temperature fresche


Grazie alle recenti nevicate si parte sci ai piedi dalla macchina, su 10-20 cm di neve portante. Poi salita prevalentemente su neve crostosa, visto che si percorrono quasi sempre i pendii esposti a NW o W. Farinosa invece in pieno Nord/Nord-est.
DISCESA: Ripercorriamo brevemente la dorsale verso il Corno San Colombano e poi scendiamo i ripidi pendii esposti a nord su farina stupenda. Per evitare la neve crostosa, scendiamo sempre sui pendii più a sx (scendendo), esposti a nord-est, dove infatti è un tripudio di polvere. A q. 2600m ripelliamo e stavolta saliamo al Passo Rinalpi, poi ad un'elevazione quotata 2970m. Discesa su neve ventata portante per i primi 50m. Poi individuiamo un canale a sx esposto a nord-est: discesa stratosferica su farinone, e così per tutta la discesa, tenendo sempre i pendii più a sx. Solo gli ultimi 100-150 m prima del pianoro la neve è un po' crostosa. Dall'Alpe Borron discesa lungo la strada su neve un po' smollata, con qualche tratto a spinta, ma sci ai piedi fino alla macchina.

location | altitude | orientations soft snow total snow comment
Partenza da Presedont 10-20 cm Ben portante sufficiente per partire e arrivare sci ai piedi
Alpe Borron 20 cm 30-40 cm Crosta portante
Oltre 2000m 20-50 cm Neve farinosa sui pendii esposti a Nord/Nord-est. Crostosa sui pendii Nord-ovest o Ovest

avalanches

Alcuni scaricamenti probabilmente del venerdì pomeriggio al termine del pianoro oltre l'Alpe Borron

timing

8-10,30

access_comment

In auto fino al park Presedont, meglio se con 4x4 per qualche brevissimo tratto con un pochino di neve.

personal comments

Oggi era d’obbligo scegliere un’esposizione Nord e pendii abbastanza sicuri viste le recenti abbondanti nevicate. E ovviamente una cima nuova per tutti. Il meteo sembra buono sulle Alpi centrali. Mi viene così in mente questo Rinalpi, che credo presenti le giuste caratteristiche per oggi. E si rivelerà una delle più belle sciate stagionali. E pure con partenza sci ai piedi grazie alla neve dei giorni scorsi! La Piazzi oggi è stupenda, anche se a mio parere pericolosa. Ho pure l'onore di conoscere William Boffelli, che ovviamente traccerà tutta la parte alta. Ma almeno riusciamo a tenergli il passo! La neve crostosa che troviamo in salita non ci deprime, i pendii di destra (salendo) esposti più a nord-est dovrebbero avere polvere. E infatti così sarà! Tant'è che a 2600m di quota ripelliamo (gli amici bergamaschi invece scendono). Stavolta mi prendo anche il piacere di tracciare fino ad un'elevazione quotata 2970 m, passando dal Passo Rinalpi, visto che la prima volta siamo saliti più a sx. La discesa dal passo nel canale a sinistra sarà da sogno: 30-40 cm di farinone canadese, così come il resto della discesa. Solo gli ultimi 100-150m prima del pianoro neve un po’ crostosa ma mai insciabile. La noiosa stradina finale con tratti a spinta è solo dettaglio irrilevante dopo una sciata così. Veramente bello questo Rinalpi, che come pendii non ha nulla da invidiare alla Piazzi, se non la... fama.

Associated routes

Associated articles

Associated xreports

Comments

No thread yet?

Log in to post the first comment

No thread yet?

Log in to post the first comment

{{::post['created_at'] | amUtc | amLocal | amTimeAgo}}
  • ca
  • de
  • fr
  • en
  • es
  • eu