Gran Cima + Corno Vitello : da Champoluc per il Vallone di Cuneaz
{{ '2016-12-10' | amDateFormat:"dddd Do MMMM YYYY" }}

Gran Cima + Corno Vitello : da Champoluc per il Vallone di Cuneaz
{{ '2016-12-10' | amDateFormat:"dddd Do MMMM YYYY" }}

Elevation profile

Application mobile

View and save your outputs directly on the field using the Camptocamp mobile application.

Licence

General

activities

frequentation: overcrowded

condition_rating: excellent

quality: fine

Download track as

Rating

2.3
PD-

heights

elevation min/max : 1570 m / 3050 m

height_diff: +1500 m / -1900 m

length_total: 16.0 km

Access

lift_status: open

snow

snow_quality: good

avalanche_signs: no

participants

participant_count: 4

fedora rota, Ivan, Lidia e Fabio

route_description

Seguito l'itinerario descritto fino alla Gran Cima. Da qui, scesi al colletto sotto la cima e poi per altri 50 m a sinistra fino alla conca, verso il Corno Vitello. Rimesse le pelli, traversiamo verso la pala della montagna e saliamo sci ai piedi i ripidi pendii fino al colletto e poi a piedi fino in vetta. Scesi dalla ripida pala W e poi per altri 200m nel vallone di Mascognaz. Quindi altra risalita di nuovo fino al colletto sotto la Gran Cima e discesa per il normale it. di salita.

weather and conditions


Giornata fantastica. Freddo nell'ombroso vallone di Cuneaz, poi al sole molto molto caldo. Assenza di vento


A Champoluc non c’è neve se non sulla pista da sci (artificiale). Ma con gli impianti aperti vige il divieto di risalita con le pelli. Quindi abbiamo preso la cabinovia fino al Crest. Da qui innevamento buono in quanto la salita si svolge interamente all’ombra e da metà vallone in su è presente almeno un metro di neve. Sulla ripida pale del Corno Vitello affiorano sassi sulla linea di salita, ma in discesa non si tocca mai stando a sx (scendendo).
Neve farinosa praticamente su tutto il percorso, tranne dalla vetta della Gran Cima fino al colletto sottostante dove era trasformata dai tanti passaggi. Discesa dalla pala W del Corno Vitello (tenendo la sx) su stupenda polvere e poi ancora farina “00” nel vallone di Mascognaz. Siamo scesi fino a q. 2700m e poi abbiamo ripellato fino al colletto sotto la Gran Cima. Da qui ancora neve farinosa ma più “tritata” dai passaggi. Poco prima del Col Perrin seguiamo una traccia che traversa alta a dx, che ci immette poi in un canale molto ripido ma intonso e ci permette una gran discesa evitando le tantissime tracce sul percorso normale. Ricollegati col percorso di salita, scendiamo sempre su polvere da sballo cercando i tratti ancora vergini. Poi ben pistata nel boschetto finale e quindi lungo la pista ghiacciata fino a Champoluc.

location | altitude | orientations soft snow total snow comment
Champoluc 0 cm 0 cm
Crest 0 cm 20 cm
Vallone di Cuneaz, da q. 2200-2300m 20-50 cm 100 cm Da ca. q. 2200-2300m neve farinosa in costante aumento

timing

9,30 dal Crest (raggiunto con ovovia)
+2h e 10' x la Gran Cima
+1h e 10' x Corno Vitello
+25' ritorno al colletto sotto Gran Cima

personal comments

Gran bella sciata oggi in Val d’Ayas, con un’abbinata di due cime e una neve molto bella che ci hanno regalato veramente una splendida giornata. Sapevamo di trovare molta gente, anche se non così tanta. Quindi, dopo la Gran Cima, ci inventiamo qualcos’altro, anche solo per “ammortizzare” il viaggio e il costo assurdo della cabinovia (ben 8 euro x 400m di disl., visto che ti fan pagare A/R obbligatorio!). Dalla Gran Cima notiamo il Corno Vitello con una traccia di salita e discesa e quindi, scesi al colletto, ci portiamo nella conca a sx con una breve discesa. Quindi rimettiamo le pelli e saliamo la ripida pala della montagna. Dalla Gran Cima sembrava poca la neve per sciarla e invece a dx della linea di salita c’è un bel pendio con innevamento perfetto: 20-30 cm di farina su fondo ben trasformato. Riusciamo ad arrivare al colletto con gli sci e poi a piedi sul facile crestone finale. La discesa dalla pala e poi nel vallone (fino a q. 2700) sarà sicuramente la sciata migliore della giornata: polvere canadese, pendii intonsi, ampi e soleggiati e nessun’altro in giro. Anche la discesa dal Col Perrin sarà bellissima, sempre con neve farinosa dall’inizio alla fine, evitando ovviamente i pendii più “tritati”, come abbiamo fatto noi. La pista finale ghiacciata a Champoluc sarà il tratto di sciata peggiore della giornata! E a fare da cornice per tutto il giorno, panorami stupendi hanno fatto da cornice per tutta il giorno: Rosa, Cervino, Gran Combin, Bianco, Gran Paradiso... fino al Monviso.

Associated routes

Associated articles

Associated xreports

Comments

No thread yet?

Log in to post the first comment

No thread yet?

Log in to post the first comment

{{::post['created_at'] | amUtc | amLocal | amTimeAgo}}
  • es
  • ca
  • fr
  • en
  • de
  • eu