Piz Albris: da Pontresina per la Val Languard
{{ '2016-04-02' | amDateFormat:"dddd Do MMMM YYYY" }}

Piz Albris: da Pontresina per la Val Languard
{{ '2016-04-02' | amDateFormat:"dddd Do MMMM YYYY" }}

Elevation profile

Application mobile

View and save your outputs directly on the field using the Camptocamp mobile application.

Licence

General

activities

frequentation: some

condition_rating: good

quality: medium

Download track as

Rating

3.3
AD

heights

elevation min/max : 1839 m / 3028 m

elevation_access: 1806 m

height_diff: +1350 m / -1350 m

length_total: 14.703 km

Access

lift_status: closed

hut_status: closed_hut

snow

elevation_up_snow: 1806 m

elevation_down_snow: 1806 m

avalanche_signs: danger_sign

participants

fedora rota, Ivan e Lidia

route_description

Seguito l'it. per il Piz Albris fino a q. 2900 m. Poi dietro-frnt per condizioni pericolose (importanti accumuli di neve riportata dal vento). Ripiegato alla Fuorcla Pischa e saliti alla q. 3026 della Crasta Languard.

weather and conditions


Previsioni svizzere decisamente non azzeccate (davano notte serena e giornata soleggiata…): cielo velato ma, dalla seconda parte della mattinata, sprazzi di sole. Visibilità sempre buona. Vento piuttosto forte in alto, ma solo a tratti. 1° alla partenza (ore 8).


Sci ai piedi dalla partenza. Neve dura e gelata in salita lungo la pista (chiusa). Poi bella crosta portante fin sopra il Laj Languard, dove da circa q. 2800 m, sui ripidi pendii N, cominciavano placche di neve ventata e importanti accumuli, che ci hanno fatto fare dietro-front. Dalla Fuorcla Pischa alla q. 3026 della Crasta Languard ottima neve trasformata e nessun problema di salita. Da qui bellissima discesa su neve primaverile dai ripidi pendii sotto detta quota. Poi non ancora perfettamente trasformata causa lo scarso rigelo, ma cmq sempre ben portante fin quasi in fondo al vallone, soprattutto nei ripidi canalini. Buono anche il primissimo tratto della pista finale, molto marcia e sfondosa invece nella parte centrale, e infine battuta dal gatto, quindi perfetta fino alla macchina.

location | altitude | orientations soft snow total snow comment
Partenza Ancora buon innevamento alla partenza e fino all'arrivo della seggiovia, grazie alla pista da sci (chiusa). Qualche brevissimo tratto senza neve nel lungo traverso che dall'arrivo della seggiovia immette nella Val Languard

avalanches

Nessuna segnalazione di valanga. Ma a q. 2900 m, sui ripidi pendii sopra il Lej Languard, ci fermiamo e facciamo dietro-front: i 10-15 cm caduti durante la settimana e il forte vento che probabilmente ne è seguito (scirocco che ha trasportato anche sabbia rossa del Sahara!), hanno creato accumuli molto importanti e la ripidezza di questo tratto ci hanno fatto prendere la decisione di fermarci. Senza sci si sfondava fin sopra le ginocchia e si vedevano chiaramente lastroni da vento. I successivi pendii sarebbero stati ugualmente ripidi, se non di più; ma soprattutto il pensiero di fare una discesa in quelle condizioni ci sembrava assolutamente rischiosa.

timing

8-13,30

personal comments

Partiti per fare una gita sui versanti sud, la scarsità di neve ci fa ripiegare sulla val Languard e in particolare sul Piz Albris. Ma non abbiamo raggiunto neanche questa seconda “opzione” in quanto, come scritto sopra, abbiamo trovato delle condizioni inaspettatamente pericolose. Infatti anche gli altri 2 gruppetti di scialpinisti non sono saliti, tornando a valle o fermandosi alla Fuorcla Pischa. Noi invece abbiamo comunque salvato la giornata raggiungendo la q. 3026 m lungo la Crasta Languard, superando diversi tratti abbastanza ripidi ma su neve decisamente migliore e sicura (ben assestata e dura). Ottima discesa dai bellissimi e ripidi pendii da sotto la vetta su bella neve portante con giusto remollo. Poi un altro canale e, dopo un traverso verso dx per rimanere alti, ci tuffiamo in un altro bel pendio che ci riporta nel vallone percorso in salita. Sembrava pianeggiante in salita, ma invece scivoliamo via bene e senza racchettare su neve veloce, in due o tre punti tendente a sfondare ma solo sul piano. Senza ripellare scalettiamo un pochino verso il sentiero che ci riporta all’arrivo della seggiovia e da qui scendiamo per la pista. Primi 100 m ancora su bella neve portante; poi 200 m di calvario in neve marcia e sfondosa e per finire ultimissimo tratto battuto dal gatto, quindi perfetto fino alla macchina. Nessun rimpianto per la rinuncia all’Albris, anzi… ! Convintissimi della scelta fatta.

Associated routes

Associated articles

Associated xreports

Comments

No thread yet?

Log in to post the first comment

{{::post['created_at'] | amUtc | amLocal | amTimeAgo}}
  • de
  • fr
  • eu
  • en
  • ca
  • es