Corn da Camp: per la Val Mera e discesa dallo Scispadus
{{ '2015-04-12' | amDateFormat:"dddd Do MMMM YYYY" }}

Corn da Camp: per la Val Mera e discesa dallo Scispadus
{{ '2015-04-12' | amDateFormat:"dddd Do MMMM YYYY" }}

Application mobile

View and save your outputs directly on the field using the Camptocamp mobile application.

Licence

General

activities

frequentation: some

condition_rating: good

quality: medium

Rating

3.2
AD

heights

elevation_max: 3232 m

elevation_access: 1622 m

height_diff: +1610 m / -1610 m

Access

hut_status: open_guarded

snow

elevation_up_snow: 1622 m

elevation_down_snow: 1850 m

avalanche_signs: no

participants

fedora rota, Riki

route_description

A circa q. 2500 m, anziché percorrere l'ampio giro a semicerchio verso dx che porta al Passo di Val Mera, siamo saliti a dx per un canale sempre più ripido e stretto (a dx del sentiero estivo e a sx della parete rocciosa), tutto sci ai piedi ma con rampanti obbligatori, che ci ha portato direttamente sul Vadret da Camp. Sicuramente molto più breve (almeno 15-20' in meno) ma anche molto ripido!

weather and conditions


Meteo splendido e assenza di vento. Qualche leggera velatura intorno a mezzogiorno, poi dissoltasi


45 minuti di spallaggio lungo la strada verso il rifugio. Poi un paio di togli-metti fino ad esso. Neve che dalla mattina al pomeriggio se ne è andata nel giro di poche ore per il gran caldo.
Durante la salita in Val Mera neve ben rigelata e molto dura nel canalino da noi salito per accedere al Vadret da Camp (inversioni molto tecniche!). Fino al deposito sci neve ventata portante con qualche cm di fresca sopra che permetteva di salire agevolmente. Poi ottima traccia fino in vetta.
In discesa dallo Scispadus, nel primo ripido tratto neve primaverile ben trasformata. Poi prevalentemente con buon fondo e marcia in superficie, ma ben sciabile. In qualche tratto era più sfondosa, bisognava cercare le lingue con neve più dura. Nella parte bassa neve più portante. Solo nel bosco finale gran ravanage in neve sfondosa, ma il tratto è breve.

location | altitude | orientations soft snow total snow comment
Dalla partenza fino a 15 prima del rif. Saoseo 0 cm
Oltre il rifugio e in Val Mera Discreto innevamento anche se scarso per la stagione

timing

7,30-11,15

hut_comment

D'obbligo una sosta al rif. Saoseo, dal simpatico e cordiale gestore Bruno!

personal comments

Bella gita completa, con un buon dislivello, un lungo sviluppo, una parte finale alpinistica anche se non diffiicile, e una splendida discesa dal vallone dello Scispadus. La neve ormai obbliga a uno spallaggio piuttosto lungo e il caldo di ieri non ha di certo favorito la discesa (esp. Est) dallo Scispadus; lo sapevamo, ma ci tenevamo comunque tanto a questa montagna e così abbiamo optato comunque per questa scelta. La salita lungo la Val Mera si svolge prevalentemente su dolci pendii che allungano lo sviluppo, ma che permettono di apprezzare l'ambiente. Poi però il canalino che saliremo evitando il lungo giro verso il Passo di Val Mera permette di recuperare tempo, vista la ripidezza soprattutto all'uscita (dai 35 ai 40°)! Ottima la traccia verso la vetta, percorsa con picca e ramponi senza particolari difficoltà. Bellissimo il vallone dello Scispadus visto dall'alto, oggi non in condizioni eccezionali, ma considerato il caldo e l'esposizione è andata comunque benissimo. Meritevole comunque!

Associated routes

Associated articles

Associated xreports

Comments

No thread yet?

Log in to post the first comment

No thread yet?

Log in to post the first comment

{{::post['created_at'] | amUtc | amLocal | amTimeAgo}}
  • en
  • es
  • fr
  • eu
  • ca
  • de