Punta Galisia con discesa sul ghiacciaio di Lavassey > salita alla punta Basei dal colle Basei per il ghiacciaio omonimo e discesa sul Benevolo
{{ '2014-05-04' | amDateFormat:"dddd Do MMMM YYYY" }}

Punta Galisia con discesa sul ghiacciaio di Lavassey > salita alla punta Basei dal colle Basei per il ghiacciaio omonimo e discesa sul Benevolo
{{ '2014-05-04' | amDateFormat:"dddd Do MMMM YYYY" }}

Application mobile

View and save your outputs directly on the field using the Camptocamp mobile application.

Licence

General

activities

frequentation: quiet

condition_rating: excellent

quality: medium

Rating

2.2
AD

heights

elevation_max: 3343 m

elevation_access: 1800 m

height_diff: +1650 m / -1650 m

Access

access_condition: cleared

hut_status: open_guarded

snow

elevation_up_snow: 2000 m

elevation_down_snow: 2000 m

glacier_rating: easy

participants

Leonardo, Umberto Locatelli

weather and conditions


Giornata spaziale e fresca, al mattino vento moderato sulle cime, poi svanito.


La nevicata della sera di sabato ha aggiunto altri 5-10 cm cancellando le poche traccie di discesa del giorno prima fatte da un gruppetto di francesi arrivati dal Refuge de Prariond. Abbiamo tracciato il ghiacciaio di Fond sul lato più diretto a sinistra salendo, senza passare dal colle. Il ghiacciaio è ben chiuso salvo un grosso buco molto evidente sotto il roccione a quota 3138 m. Si arriva comodamente in vetta sci ai piedi. In discesa ci siamo tenuti tutto a destra e, prima del pinnacolo di roccia a quota 3138 m, siamo scesi sul ghiacciao di Lavessey. Unico punto delicato è il pendio ripido che divide i due rami del ghiacciaio, che essendo senza tracce e con tanta neve ha richiesto un po' di cautela per scegliere il punto giusto di entrata. Sul ghiacciaio sciata buona anche se in alcune parti la crosta superficiale richiedeva un po di forza in uscita di curva. Ripellata al colle Basei dove abbiamo cercato di salire alla cima seguendo il filo di cresta, ma arrivati a metà c'era cornice su entrambe i lati e, valutando il passaggio delicato, abbiamo preferito tornare al colle e scendere verso il Ghiacciaio di Basei per 100 metri in traverso e poi risalire fino a sotto la punta. Da qui, picca e ramponi saliti alla cima per il tratto roccioso (presente un cordone che facilita la salita), poi crestina nevosa.
Sciata strepitosa sul Ghiaccio di Basei su ottima polvere, poi ripellato al colle e discesa prima di su moquettone e poi firn da urlo fino al rifugio, stando alti sopra la forra del torrente attraversando le valanghe scese dai pendi sotto la punta Paletta.

L'obbiettivo di oggi era la Tsanteleina ma le condizioni della parete non sono buone, anche a detta del Rifugista, troppo neve e placche da vento rendono la discesa non sicura. La parete è ben coperta, a parte qualche sasso negli ultimi 150 metri sotto la cima. Occorre aspettare qualche giorno di bel tempo e senza vento in modo che tutto si assesti per bene. Per info sulle condizioni è possibile chiedere a Mathieu del Benevolo. La salita al Colle di Tsanteleina è in buone condizioni ed ancora con buona copertura di neve.

timing

6.15 -> 13.00 al Rifugio

hut_comment

vedi report della Granta Parey

personal comments

Visto che abbiamo dovuto rinunciare alla Tsanteleina, abbiamo deciso di sfruttare la giornata per fare un bel tour delle cime vicine. Dopo la sciatona di ieri pensavamo di aver raggiunto il massimo del godimento, ma la firme sul Ghiacciao di Basei e quelle sui pendi sotto il colle omonimo, aggiunte al tempo spaziale, hanno corretto il tiro della classifica delle migliori sciate della stagione, mettendo a dura prova le nostre ugole!!

Associated routes

Associated articles

Associated xreports

Comments

No thread yet?

Log in to post the first comment

No thread yet?

Log in to post the first comment

{{::post['created_at'] | amUtc | amLocal | amTimeAgo}}
  • fr
  • es
  • eu
  • ca
  • de
  • en