Schwarzhorn: da Vrin per l’Alp Patnaul ed il versante N.
{{ '2012-05-19' | amDateFormat:"dddd Do MMMM YYYY" }}

Schwarzhorn: da Vrin per l’Alp Patnaul ed il versante N.
{{ '2012-05-19' | amDateFormat:"dddd Do MMMM YYYY" }}

Application mobile

View and save your outputs directly on the field using the Camptocamp mobile application.

Licence

General

activities

frequentation: quiet

condition_rating: good

quality: medium

Rating

2.3
PD+

heights

elevation_max: 2944 m

elevation_access: 1406 m

height_diff: +1600 m / -1600 m

Access

access_condition: cleared

lift_status: closed

snow

elevation_up_snow: 1406 m

elevation_down_snow: 1406 m

weather and conditions


Bello il mattino sino alle 13, poi progressivo addensamento della nuvolosità in quota che non ha compromesso contrasto e visibilità. Temperatura non eccessivamente calda e assenza di vento.


Quota neve in salita 1950 m ca., mentre in discesa quota 1850 m (sfruttando canale di valanga). Qualità buona, trasformata; lo strato apportato dalle ultime nevicate era già stato lavorato dal clima caldo e risultava piuttosto “lento”. Discesa iniziata alle 13:30 con il manto nevoso ancora buono sin a 2000 m di quota, sotto fortemente inumidito anche in profondità, ma ben sciabile con sci a spatola larga. Oltre i 2000 m di quota spessore dello strato nevoso ancora notevole.

timing

4 ore e 30 min., sola salita compreso soste.

access_comment

da Como autostrada per Bellinzona ,Passo S. Bernardino. Proseguire dopo il tunnel fino a Reichenau; prendere la deviazione per Flims e raggiungere Ilanz da dove si dirama la strada per Vrin in Val Lumnezia.

personal comments

Non visito spesso la Val Lumnezia e la vicina Valsertal che confluiscono ad Ilanz nella Valle del Reno Anteriore e faccio male poiché si tratta di un’area ricca di ottimi itinerari; l’approccio dopo la prima metà di maggio è forse un po’ tardiva e costringe a degli avvicinamenti con gli sci in spalla, ma ne può valere comunque la pena. Sono montagne relativamente poco frequentate e quindi è più probabile vivere un emozione forte, tracciare per primi o lasciare i segni delle proprie evoluzioni su pendii intonsi. Lo Schwarzhorn è una cima raggiungibile più rapidamente dagli impianti di Vals per poi traversare e scendere su Vrin, una delle più belle discese di stampo classico della zona. Le difficoltà indicate da fonti Elvetiche sono a mio avviso un po’ sopravvalutate, la pala N della vetta non è né ripidissima(non oltre i 35°) né esposta; leggermente più inclinata è la rampa tra quota 2200 e 2400 m. Il tratto tra 2200 e l’Alpe Pardatsch pur avendo tratti obbligati e sostenuti non sconfina da uno sci-alpinismo di tipo classico. Abbiamo portato gli sci poco più di un’ora ed un quarto poi una volta calzati abbiamo raggiunto la vetta senza più toglierli; in discesa abbiamo sfruttato un ripido canale da valanga che ci ha permesso di arrivare ad una quota tra 1800 e 1850 m. Altre mete come il Faltschonhorn, il Piz Aul o lo stesso Piz Terri si sono mostrate di estremo interesse, osservandole mentre sostavamo in vetta, il che ci ha fatto promettere un sicuro ritorno.

Associated routes

Associated articles

Associated xreports

Comments

No thread yet?

Log in to post the first comment

No thread yet?

Log in to post the first comment

{{::post['created_at'] | amUtc | amLocal | amTimeAgo}}
  • de
  • es
  • en
  • eu
  • ca
  • fr