Dôme de Neige des Écrins: Via normale per il versante NE
{{ '2012-05-13' | amDateFormat:"dddd Do MMMM YYYY" }}

Dôme de Neige des Écrins: Via normale per il versante NE
{{ '2012-05-13' | amDateFormat:"dddd Do MMMM YYYY" }}

Application mobile

View and save your outputs directly on the field using the Camptocamp mobile application.

Licence

General

activities

frequentation: crowded

condition_rating: excellent

quality: medium

Rating

3.2
AD

heights

elevation_max: 4015 m

elevation_access: 1874 m

height_diff: +965 m / -2141 m

Access

hut_status: open_guarded

snow

elevation_up_snow: 1874 m

elevation_down_snow: 1874 m

glacier_rating: possible

participants

Glauco Bianchi, gerry, Daniele,Nicola, Paolo 

weather and conditions


Il vento ha soffiato forte nella notte e in progressiva diminuizione al mattino presto, temperatura in rapida discesa, meteo "stellare" in compagnia di una luna metallica, giornata di un grande splendore e stabile!


Ottimo rigelo notturno, come ci si augura prima di affrontare la salita di questa parete non priva di pericoli per il distacco di blocchi di ghiaccio che potenzialmente ne fanno una micidiale postazione di artiglieria e la, sotto, potresti esserci tu. L'attacco alla base della parete NE, sul primo traverso ascendente, è delicato per resti di un pregresso distacco di seracco che obbliga nella progressione a stare il più possibile a sx,salendo, su fondo marmoreo. Crepacci ben chiusi, tranne gli enormi e ben evidenti, ascensione della montagna in ottime condizioni di stabilità della massa glaciale. In cima vento teso e freddo. Discesa dalla cima alle ore 09.30 su fondo marmoreo fino a q.2700 ca, poi accenno di firn fino alla base del canale sotto il refuge Du Glacier Blanc a q.2500 ca(alla sx del refuge salendo), infine neve insciabile fino al sentiero che conduce al parcheggio auto, conviene fare un bel "dritto".       

timing

05.15 dal Refuge Caron

access_comment

La carrozzabile che raggiunge Prè de Madame Carle è in ottimo stato e sgombra da neve.

hut_comment

Sci ai piedi fino al sentiero che permette di superare lo sperone roccioso che segna l'inizio della valle del Glacier Blanc con uno "spallaggio" di un'ora. I pendii laterali di accesso al rifugio Caron hanno già scaricato. Iniziata la salita sabato mattina con tempo bello,mancanza di rigelo e neve poco scorrevole data l'alta temperatura, arrivati al rifugio sotto una fitta pioggia, da non credere e mai visto, ma eravamo a 3000 metri di quota. Gestione del rifugio con poca dignità, non all'altezza delle meraviglie del luogo e della sua frequentazione; valutazione della cena e della colazione: commestibili.   

personal comments

Una mattina di una domenica di maggio siamo in cima al Dòme des Ecrins, con grande soddisfazione del nostro ematocrito! I colori dell'alba incantano, capaci di aggiungere alla fredda scala cromatica dell'alta montagna le calde tinte mediterranee, sensazione di privilegio per lo spettacolo che ho di fronte, che toglie il fiato per la bellezza!Ascensione magistralmente organizzata da Glauco, specie nella sezione turistica-gastronomica a Briançon. Un saluto agli amici di Valdagno e al gruppo di bergamaschi.

Associated routes

Associated articles

Associated xreports

Comments

No thread yet?

Log in to post the first comment

No thread yet?

Log in to post the first comment

{{::post['created_at'] | amUtc | amLocal | amTimeAgo}}
  • en
  • es
  • fr
  • eu
  • ca
  • de