Pizzo Tambò: da Montespluga
{{ '2012-05-13' | amDateFormat:"dddd Do MMMM YYYY" }}

Pizzo Tambò: da Montespluga
{{ '2012-05-13' | amDateFormat:"dddd Do MMMM YYYY" }}

Application mobile

View and save your outputs directly on the field using the Camptocamp mobile application.

Licence

General

activities

frequentation: crowded

condition_rating: poor

quality: medium

Rating

2.3
PD+

heights

elevation_max: 3279 m

elevation_access: 2115 m

height_diff: +1375 m / -1455 m

snow

elevation_up_snow: 2115 m

elevation_down_snow: 2063 m

participants

Roberto Pozzoli, Paola, Carlo, Giacomo, Maurilio e un suo amico

weather and conditions


Bel tempo sopra i 2500, mentre sotto, al mattino, un gran via vai di nuvole.


Rigelo su tutto il percorso, fin troppo rigelo direi..neve molto dura e irregolare, per via della super pappa dei giorni scorsi di grande caldo.
Sopra al Tamborello non ha smollato nemmeno alle 12.30, per via del vento, mentre sotto sciata più piacevole su neve via via più molle (sul ripido si lascia anche andare a colatine a pera).

Rampant molto utili.

timing

6.00 dalla dogana italiana, 10.00 in cima

personal comments

Cercavamo il rigelo e ne abbiamo trovato fin troppo!! Partiti alle 6 dal passo (si poteva anche dormire un'oretta in più..)
In salita un po' faticoso per via delle sconnessioni e del vento fastidioso..decidiamo di prenderla con calma sostando qua e là al riparo dal vento per sperare che smolli.

Arriviamo al colletto e buttiamo lo sguardo sulla nord..impraticabile tra grumi e soprattutto il fondo del canale che è un cono di valanga (gelato).
Io e Carlo proviamo a cercare un passaggio verso la Val Loga, per trovare neve più remollata visto che anche in alto non aveva mollato...al di là del primo invitante pendio troviamo solo delle barre rocciose...da verificare se c'era troppo poca neve o il passaggio proprio non c'è..

Poco male tanto è presto e quindi risaliamo circa 200m per poi scendere dalla normale italiana, allungando la discesa fino alla vecchia dogana.
La parte fino al Lattenhorn è orribile..neve dura come il cemento a grumi di ogni dimensione..praticamente insciabile.
Rinunciamo al traverso e facciamo il pendio sottostante..scelta azzeccata..la prima neve buona di una discesa che si riabilita grazie alla pappetta.

Gita che si conclude con un abbondante pizzocchero della valchiavenna alla Genzianella di Fraciscio!!

Molti sul percorso.

Associated routes

Associated articles

Associated xreports

Comments

No thread yet?

Log in to post the first comment

No thread yet?

Log in to post the first comment

{{::post['created_at'] | amUtc | amLocal | amTimeAgo}}
  • en
  • es
  • fr
  • eu
  • ca
  • de