Bristen: Per il versante N e la cresta NE da Bristen
{{ '2012-03-28' | amDateFormat:"dddd Do MMMM YYYY" }}

Bristen: Per il versante N e la cresta NE da Bristen
{{ '2012-03-28' | amDateFormat:"dddd Do MMMM YYYY" }}

Application mobile

View and save your outputs directly on the field using the Camptocamp mobile application.

Licence

General

activities

frequentation: quiet

condition_rating: excellent

quality: medium

Rating

3.3
D-

heights

elevation_max: 3073 m

elevation_access: 800 m

height_diff: +2300 m / -2300 m

snow

elevation_up_snow: 1150 m

elevation_down_snow: 1000 m

participants

Fabrizio Righetti, Arno Ladstaetter, Stefano e Luca (Nieck)

weather and conditions


Giornatone spaziale


Ancora ottimo l'innevamento sulle pendici settentrionali del Bristen. La neve, seppur a chiazze è già presente sin dalla partenza e diventa continua dai 1250 m di quota. Sino a circa 2000 m di quota la neve è alquanto variabile nelle caratteristiche mentre oltre tale quota il manto nevoso è costituito essenzialmente da neve polverosa a tratti leggermente umida.

timing

Partenza da fondovalle alle ore 7 e arrivo in vetta dopo 4 ore e 30'
La salita alpinistica della parte sommitale ci ha richiesto circa 30'
Iniziata la discesa verso le 12 e 30'

personal comments

Bristen! Che montagna incredibile, una piramide posta nel mezzo della valle che si proietta letteralmente nel cielo. Una montagna che a prima vista appare la negazione dello scialpinismo, ma che in realtà offre tutto quanto si desidera in una salita skialp.
Era una vita che desideravo salirla e finalmente oggi ho potuto esaudire questo desiderio, seppur con un po di fatica (ma è giusto così).
Abbiamo trovato la montagna in buone condizioni, soprattutto per quanto riguarda la sicurezza del manto nevoso.
Siamo partiti dal fondovalle passando per i prati di Limi. A 1100 m di quota calzati gli sci e poi nuovamente a piedi per tutto il traverso nel bosco sino ad incontrare la stradina che giunge da Sant Anton, dove abbiamo calzato gli sci definitivamente. Faticosa la risalita del canalone finale con tantissime conversioni e che ci ha condotto a pochi metri dalla cresta sommitale in prossimita del Rot bristen. La cresta finale è molto innevata e questo facilita le cose inoltre l'abbiamo trovata tracciata, una vera fortuna (doverla tracciare sarebbe stata una faticaccia). I 2300 m di dislivello, la ricerca dell'itinerario, il ripido vallone e i quasi 400 m di dislivello della parte alpinistica finale la rendono un 'osso duro'. Noi abbiamo calzato i ramponi e per precauzione avevamo una corda da 20 m nel sacco ch epotrebbe essere utile se le condizioni della cresta fossero cattive, ad esempio con rocce coperte da neve polverosa.
Ci siamo fatti un discesone da cinque stelle su ottima neve polverosa sino a circa 2200 m di quota poi ancora buona neve sino alle baite a 1800 m di quota. La stradina nel bosco si scia bene anche se con un po di attenzione. poi 'portage' nel traverso nel bosco ed infine un inaspettato regalo con sciata su neve residua nei prati sinoa circa 1000 m di quota.
Approfittatene! la neve si modifica a causa del caldo diurno di giorno in giorno, quindi le condizioni riportate potrebbero non essere più tali già tra qualche giorno.

La relazione qui su C2C di Edo è ben fatta!

Associated routes

Associated articles

Associated xreports

Comments

No thread yet?

Log in to post the first comment

No thread yet?

Log in to post the first comment

{{::post['created_at'] | amUtc | amLocal | amTimeAgo}}
  • de
  • es
  • en
  • eu
  • ca
  • fr