Monte Confinale: da Campec per la Valle della Manzina
{{ '2012-02-25' | amDateFormat:"dddd Do MMMM YYYY" }}

Monte Confinale: da Campec per la Valle della Manzina
{{ '2012-02-25' | amDateFormat:"dddd Do MMMM YYYY" }}

Application mobile

View and save your outputs directly on the field using the Camptocamp mobile application.

Licence

General

activities

frequentation: quiet

condition_rating: average

quality: medium

heights

elevation_max: 3370 m

elevation_access: 2061 m

height_diff: +1310 m / -1310 m

snow

elevation_up_snow: 2061 m

elevation_down_snow: 2061 m

participants

Beppe ietta corda, [u][b]Attilio[/b][/u][b][/b](detto Maindra) [b]Graziano[/b][u][/u] (detto Rampilii)

weather and conditions


nuvoloso


Neve umida fino a m.2500 circa, facile zoccolo alle pelli.
Sia in salita ed in discesa la neve è CROSTA in alto e PALTA in basso

timing

7.40

access_comment

A S.Caterina la strada che porta al Rif.Forni è libera dalla neve ma chiusa dalla solita sbarra, anche se lascia uno spazio per passare.

personal comments

La scelta della salita,decisa in gruppo ma, proposta da Rampilii,è stata fatta per dare una prima occhiata al ghiacciaio dei Forni e per considerare se valesse la pena cominciare a praticare gite sul ghiacciaio. E' certo che a prima vista non si presenta bene, il ghiaccio è molto più presente che gli altri anni e non invita a percorrere i meravigliosi itinerari del luogo.
Saliamo partendo dal solito Rifugio Stella Alpina dopo aver parcheggiato il Pik Up Maindra al parcheggio appena dopo.
Il sentiero è innevato con neve bagnata, meglio mettere sciolina sulle pelli. Arrivati al pccolo traverso sopra le baite di Pradaccio di Sopra, la neve a lastroni si si stacca facilmente dai pendii ripidi. Poco dopo la neve si fa più consistente e permette di risalire il pendio che sale al bivacco del Piero senza problemi anzi, per sicurezza è meglio mettere anche i rampa.
Dal bivacco per raggiungere la cima invece che la via solita segnata da ometti,abbiamo optato di portarci a sinistra per risalire con gli sci ai piedi sfuttando una lingua di neve, per poi salira con gli sci in spalla fino all'inizio dell'ultimo pezzo in cresta che porta alla croce della vetta.
LA DISCESA con un pò d'attenzione la facciamo dal canale a destra, abbastanza ripido e largo, con neve dura e portante esposta ad est. Qui ci permette di fare una sciata discreta. Più in basso un'altro canale a destra della traccia di salita ci permette di fare una buona sciata. ATTENZIONE dai 2500 m. in giù alla neve molle che slitta facilmente dai pendii.

Associated routes

Associated articles

Associated xreports

Comments

No thread yet?

Log in to post the first comment

No thread yet?

Log in to post the first comment

{{::post['created_at'] | amUtc | amLocal | amTimeAgo}}
  • de
  • es
  • en
  • eu
  • ca
  • fr