Tamierhorn: da Riale per il Lago Castel
{{ '2012-02-25' | amDateFormat:"dddd Do MMMM YYYY" }}

Tamierhorn: da Riale per il Lago Castel
{{ '2012-02-25' | amDateFormat:"dddd Do MMMM YYYY" }}

Application mobile

View and save your outputs directly on the field using the Camptocamp mobile application.

Licence

General

activities

frequentation: some

condition_rating: average

partial_trip: yes

quality: medium

Rating

2.3
PD+

heights

elevation_max: 3087 m

elevation_access: 1728 m

height_diff: +1359 m / -1359 m

Access

access_condition: cleared

snow

elevation_up_snow: 1728 m

elevation_down_snow: 1728 m

participants

Giancarlo Langini, René, Dario, Ugo (redivivo)

weather and conditions


Bello e caldo alla partenza (6°C a Riale alle 8) ma già con nuvolosià che premeva dalla Bedretto. Verso le 11 oscuramento del cielo e verso le 12:30 cime nelle nuvole e inizio nevischio. Dai 2900 in su siamo nella nebbia, a 3000 visibilità di pochi metri. Verso le 14 nevica proprio. Alle 17, al camper di Renè a Valdo, ampie schiarite!


Alternanza di belle lastre compatte e sastrugi profondi. Purtroppo la nebbia e la scarsa visibilità ci ha negato una sciata divertente sopra i 2300. Sotto marciotto sempre più molle fino alle ultime curve su Riale nel vinavil.

timing

partenza 8, ritorno 16:30

personal comments

Il tempo ci ha messo del suo (alla faccia dei meteo svizzero e piemontese che davano passaggi nuvolosi in quota nel tardo pomeriggio) e il resto l'ha fatto la descrizione dell'itinerario che avevamo in tasca (Bonavia-Previdoli) con tanto di foto che indicava chiaramente di passare a monte della parete rocciosa che sta sotto la cima del Basodino. Morale ci siamo ritrovati a 3100 m, cioè più in alto della nostra meta, con la prospttiva di un lunghissimo traverso in discesa per portarci sotto i canali che portano al Tamierhorn; cosa di cui mi sono peraltro reso conto in una brevissima schiarita, giusto il tempo di scattare una foto, nella nebbia con visibilità pochi metri. Un gruppo di 7 ragazze e ragazzi di Bergamo che ci seguivano di circa mezz'ora, ha seguito l'itinerario a destra delle rocce ed è arrivato sotto la cima, che anche loro non hanno raggiunto per la totale assenza di visibilità. Con loro abbiamo condiviso la discesa dal punto dove i due itinerari si congiungono. Discesa da vomito fino ai 2600, peggiorata da ampi campi di sastrugi di ragguardevoli dimensioni. Cordialissimi saluti ai ragazzi di Bergamo, se ci leggono.

Associated routes

Associated articles

Associated xreports

Comments

No thread yet?

Log in to post the first comment

No thread yet?

Log in to post the first comment

{{::post['created_at'] | amUtc | amLocal | amTimeAgo}}
  • en
  • es
  • fr
  • eu
  • ca
  • de