Pizzo di Scotes: in traversata dalla Valle d'Arigna alla Valle di Scais.
{{ '2010-09-11' | amDateFormat:"dddd Do MMMM YYYY" }}

Pizzo di Scotes: in traversata dalla Valle d'Arigna alla Valle di Scais.
{{ '2010-09-11' | amDateFormat:"dddd Do MMMM YYYY" }}

Elevation profile

Application mobile

View and save your outputs directly on the field using the Camptocamp mobile application.

Licence

General

activities

frequentation: quiet

condition_rating: good

quality: medium

Download track as

Rating

F     III 

heights

elevation min/max : 1228 m / 2981 m

elevation_access: 1041 m

height_diff: +2000 m / -1800 m

length_total: 15.402 km

Access

access_condition: cleared

hut_status: open_non_guarded

weather and conditions


Giornata superlativa, anche se dopo le h. 13.00 circa le Alpi Orobie vogliono dimostrarsi che anche con una leggera tendenza a vento da N, che cumoli pomeridiani riescono sempre ad avere la loro parte di cielo sopra queste montagne.
Comunque non c'è da lamentarsi, trovarne di giornate così belle, per godersi a pieno il mondo selvaggio delle Alpi Orobie


Condizioni buone fino alla bocchetta di 2724 m sopra il Bivacco Corti, in seguito messo i ramponi e usato la picozza, per salire e scendere tutto il versante N fino alla cima del Pizzo di Scotes per circa 200 m di dislivello.
In seguito durante la traversata per salire alla Bocchetta di Scotes 2800 m ca, ci sono dei tratti attrezzati con catene, ma è bene attualmente fino che non interverranno a sistemarle, di non fare troppo affidamento a causa di diversi ancoraggi che si sono staccati dalla roccia ([b]massima attenzione nel farne uso[/b])

location | altitude | orientations soft snow total snow comment
Si trovano nevai residui da attraversare oltre i 2550 /2600 m portare ramponi e picozza

timing

Alle h. 06,30 in localita Forni, arrivo al Bivacco Corti alle h. 09,15, fatto la cima della Motta della Pioda 2788 m che l'abbiamo raggiunta alle h. 10,15, continuato verso il Pizzo di Scotes 2978 m, che lo abbiamo raggiunto alle h.11,40, dopo una meritata sosta di circa h 01,15 in cima, abbiamo traversato in Valle di Scais raggiungendo la capanna Mambretti alle 15,30 circa, altra sosta di circa mezz'ora e in seguito abbiamo raggiunto la piana di Agneda verso le h 17,30.

access_comment

Oltre la Centrale di Armisa 1041 m in Val d'Arigna la strada è ripida ed è possibile salire solo con mezzi 4x4, però bisogna munirsi di permesso presso il comune di Ponte Valtellina.
Anche oltre la piana di Agneda in Valle di Scais è permesso salire fino alla Diga di Scais solo se si è in possesso del permesso, sempre facendone richiesta al comune di Ponte in Valtellina.
Anche se per averlo si è obbligati andare in comune di persona, perchè non è possibile fare il versamento e riceverlo direttamente a casa per mail, perchè ci vuole l'originale da esporre!
Anche nell'era dell'informatica siamo ancora ridotti alla vecchia maniera che bisogna passare a ritirarli in comune questi cavoli di permessi!
Sarà perchè altrimeni i comuni ci perdono gli introiti delle contravvenzioni. visto che si rischia una multa di 106 € senza il permesso.

personal comments

Tutte le volte che percorrevamo la media Valtellina, specialmente in direzione Sondrio, dicevo con Gianluca chissà se quest'anno riusciremo a salire questa bella motagna e immaginavo già che il panorama era strepitoso come ho potuto costatare, su tutte queste montagnone Orobiche.
Così passavano gli anni e lo Scotes restava lì senza essere riuscito a salirlo, anche perchè d'estate le Alpi Orobie sono sempre nella nebbia, a meno che ci sia vento da N, ma fra giugno e agosto, penso che quei giorni che al pomeriggio su queste cime non ci sia nebbia non sono più di 10, ma azzarderedi a dire 5, ma voglio essere ottimista.
Così giovedì 09-09 dopo avere sentito le previsioni meteo della Svizzera mi iniziavano a girare i grilli per la testa riguardo a questa montagna, anche se i 2 giorni prima aveva piovuto, mi frenava un po' il fatto di quanta neve aveva fatto oltre i 2700 m circa, però vedendo le montagne della Val Masino non mi sembrava molta, anche se un po' l'aveva fatta. Al massimo se la salita allo Scotes si fosse presentata proibitiva, una cima la facevamo ugualmente quella della Motta della Pioda 2788 m e così sono riusciso a strappagli a Gianluca gli ultimi timori. Ma una volta fatta la Motta della Pioda siamo andati a metterci dentro il naso nel ripido versante N dello Scotes e armati di ramponi e picozza lo abbiamo salito, anche se in qualche tratto era delicato e pittosto esposto.
Questa montagna sarà da almeno 15 anni che volevamo salirla, e l'11-09-2010 è giunta l'ora di venire a fagli visita che non ha tradito le aspettative di bella montagna Orobica dai panorami estesi.

Se vi interessa visionare il grandioso panorama che si può godere da questa cima in data 11-09-2010 clicca quì :
http://www.mountainpanoramas.com/p/p.html?panoid=2010_AO in altissima risoluzione e zummabile
[url]http://www.alpen-panoramen.de/panorama.php?pid=11533&ds[/url]
Quì anche dalla Motta della Pioda 2788 m
http://www.alpen-panoramen.de/panorama.php?pid=11578
in seguito cliccando su Ubersicht sotto la panoramica, escono anche i nomi delle cime circostanti date da me.

Associated routes

Associated articles

Associated xreports

Comments

No thread yet?

Log in to post the first comment

No thread yet?

Log in to post the first comment

{{::post['created_at'] | amUtc | amLocal | amTimeAgo}}
  • de
  • ca
  • es
  • fr
  • en
  • eu