Becca di Tos: Versante N
{{ '2010-04-17' | amDateFormat:"dddd Do MMMM YYYY" }}

Becca di Tos: Versante N
{{ '2010-04-17' | amDateFormat:"dddd Do MMMM YYYY" }}

Application mobile

View and save your outputs directly on the field using the Camptocamp mobile application.

Licence

General

activities

frequentation: some

condition_rating: excellent

quality: medium

Rating

3.3
AD

heights

elevation_max: 3302 m

elevation_access: 1530 m

height_diff: +1900 m / -2400 m

Access

access_condition: cleared

snow

elevation_up_snow: 1540 m

elevation_down_snow: 1540 m

glacier_rating: easy

participants

Gabriele63, Mauro, Michele, Osvaldo

weather and conditions


Il mattino fino alle 10.15 cielo sereno, successivamente variabile con sole e nuvole senza precipitazioni.


Siamo partiti da Revers alle 6.45, abbiamo messo gli sci quasi subito seguendo il sentiero che sale verso la Becca di Tos.
Tolti gli sci lungo il sentiero per una cinquantina di metri causa mancanza neve per poi rimetterli senza toglierli fino in cima.
Nel bosco ripido abbiamo trovato neve ghiacciata a tratti scarsa, abbiamo dovuto mettere i rampant.
Una volta fuori dal bosco abbiamo raggiunto l'itinerario proveniente da Chamin.
Da quota 2300 m in su neve più morbida.
Abbiamo raggiunto la base del canale ripido e lo abbiamo superato agevolmente
essendo già presente la traccia su neve polverosa e preceduti anche da due scialpinisti.
Una volta fuori dal canale abbiamo proseguito trovando neve sempre più polverosa, e faticosa nell'ultimo tratto
raggiungendo la vetta alle 11.50.
Discesa entusiasmante indescrivibile con neve polverosa da urlo fino a quota 2400 m, poi un tratto breve di
vellutino e infine ottimo firn.
Salendo nel bosco avevamo deciso di scendere su Chamin quindi abbiamo proseguito a destra scendendo ripetto alla direzione di salita
raggiungendo infine una strada proveniente da Combes, quando abbiamo trovato il canale che scende verso Chamin abbiamo deciso di non scenderlo per la scarsità di neve e
la gran quantità di vegetazione proseguendo per la strada, abbiamo raggiunto L'Alpe Pileo ed abbiamo trovato l'indicazione per Chamin, siamo quindi scesi verso quella che sembrava essere una carrareccia,
ma che in realtà conduceva verso una zona di precipizi, abbiamo quindi ripellato, siamo risaliti di 100 m fino all'Alpeggio e proseguito sulla strada seguendo le tracce di ciaspole, queste tracce hanno poi abbandonato la strada scendendo quella che sembrava una carrozzabile fino
a quota 1540, dove terminava anche la neve per dirigersi verso il sentiero N. 4 che abbiamo seguito a piedi fino a Grand Haury (1150 m).
Qui un pizzico di fortuna che devo dire non ci ha mai abbandonato ha permesso a Michele di raggiungere Arvier in autostop e successivamente
proseguire sempre in autostop fino a Revers per recuperare l'auto e venirci a recuperare.

timing

6.45

personal comments

Morale della favola tra salita discesa errori e risalite il totale è di 1920 m di salita, 2440 m di discesa ed uno sviluppo di 22,8 km.
Gita di grande soddisfazione, unico neo l'incertezza all'Alpe Pileo che però abbiamo superato egregiamente.
Un grande complimento va a Michele per aver scelto questo bellissimo itinerario ed un saluto ad Osvaldo e Mauro.
Un saluto anche ai due scialpinisti di Alzo che abbiamo incontrato lungo il percorso.

Associated routes

Associated articles

Associated xreports

Comments

No thread yet?

Log in to post the first comment

No thread yet?

Log in to post the first comment

{{::post['created_at'] | amUtc | amLocal | amTimeAgo}}
  • eu
  • de
  • fr
  • en
  • ca
  • es