Monte Pagano: da Monno per le baite di Cantia e Marina.
{{ '2010-02-27' | amDateFormat:"dddd Do MMMM YYYY" }}

Monte Pagano: da Monno per le baite di Cantia e Marina.
{{ '2010-02-27' | amDateFormat:"dddd Do MMMM YYYY" }}

Elevation profile

Application mobile

View and save your outputs directly on the field using the Camptocamp mobile application.

Licence

General

activities

frequentation: some

condition_rating: good

quality: medium

Download track as

Rating

PD

heights

elevation min/max : 1233 m / 2349 m

elevation_access: 1240 m

height_diff: +1110 m / -1110 m

length_total: 8.724 km

Access

access_condition: cleared

snow

elevation_up_snow: 1260 m

elevation_down_snow: 1260 m

participants

Gianluca Moroni, Giovanni Rovedatti, Giuseppe.

weather and conditions


bel tempo. Temperature ideali, pochissimo vento.


Neve generalmente ben sciabile su tutto il percorso, sulla dorsale sui 2250 m un tratto con lo strato di neve vecchia abbastanza gelato, sopra un po' più morbida.
Pericolo valanghe 3 marcato, specialmente negli avvallamenti dove c'è neve riportata.

location | altitude | orientations soft snow total snow comment
Alla partenza 1250 20 cm con tratti puliti fino a circa 1300 m
a 1700 m ca 20 cm 80/100 cm
a 2000 m 20/30 cm 160 cm sondati

timing

sola salita: ore 2.45

personal comments

questa volta è toccato a noi subire l' incubo dell'Eliski!
Arrivati in vetta al Pagano un elicottero bianco-arancione in ben cinque viaggi ha trasportato sulla Cima di Grom una ventina di persone e relativi materiali. Scesi dalla ripida dorsale SW gli elipirlotti si son fatti trasportare ancora in vetta al Pagano. (Noi fortunatamente si stava già scendendo...). Non vi dico il rumore infernale e la conseguente voglia di fuggire al più presto. Tutta questa pazzesca, ecoincompatibile, sciagurata e pericolosa (a mio parere, visto i pendii percorsi con indice 3-marcato...) attività, sembra sia organizzata dalle Guide Alpine dell'Adamello. Fulgido esempio di etica professionale... Lasciamo perdere il discorso motoslitte oggi passato addirittura in secondo piano. Ad ogni modo, oggi, la conca del Mortirolo era trasformata in un aberrante miscuglio del peggio che possiamo assistere in montagna. Come piccola forma di protesta abbiamo deciso invece di fermarci come di consueto al "rinfresco" presso il bar di Monno di tornare subito a casa :-(

Associated routes

Associated articles

Associated xreports

Comments

No thread yet?

Log in to post the first comment

No thread yet?

Log in to post the first comment

{{::post['created_at'] | amUtc | amLocal | amTimeAgo}}
  • de
  • es
  • en
  • eu
  • ca
  • fr