Forcella Borgonio : Traversata Prinardo-Pontebernardo attraverso colle del Ferro>collet de la Tortisse>paso del Vens.Giro delle Cime di Vens.
{{ '2008-03-24' | amDateFormat:"dddd Do MMMM YYYY" }}

Forcella Borgonio : Traversata Prinardo-Pontebernardo attraverso colle del Ferro>collet de la Tortisse>paso del Vens.Giro delle Cime di Vens.
{{ '2008-03-24' | amDateFormat:"dddd Do MMMM YYYY" }}

Application mobile

View and save your outputs directly on the field using the Camptocamp mobile application.

Licence

General

activities

frequentation: quiet

condition_rating: good

quality: medium

Rating

3.1
AD-

heights

elevation_access: 1500 m

height_diff: +1650 m / -1800 m

Access

access_condition: cleared

hut_status: open_non_guarded

snow

elevation_up_snow: 1500 m

elevation_down_snow: 1312 m

participants

Edoardo Satiro, Laura Spinelli, Tino Sesana, Bori & Bocia, Toni Fumagalli ed Io.

weather and conditions


Splendido, con sole pieno fino alle 15 e 30, vento solo nel pomeriggio dalla Forcella Borgonio in giù. Temperatura bassa durante tutto l’arco della giornata. Visibilità perfetta.


Innevamento ottimo fino a bassa quota, farinosa sui versanti a N o riparati, trasformata primaverile su quelli ripidi esposti a S. Unico tratto con crosta velenosa la parte alta del canale del passo del Vens. Pericolo di valanghe debole.

access_comment

Da Milano autostrada per Torino quindi tangenziale per imboccare autostrada per Savona. Uscire per Cuneo, poi direzione per Borgo S. Dalmazzo e colle della Maddalena.

hut_comment

Rifugio molto bello e ben attrezzato.

personal comments

Eravamo partiti con il progetto ambizioso di salire anche la Testa dell’Ubac, ma purtroppo non avendo immediatamente individuato il passo di Vens abbiamo perso un sacco di tempo “verificando” i vari intagli esistenti sulle dorsali fra le cime di Barbarottes e la Punta Borgonio (viva la grafica delle carte IGC). Avremmo portato a compimento una traversata di notevole impegno e grandiosa, per dirla con un vocabolo che uso di sovente “SPAZIALE”. Quando siamo arrivati, dopo aver disceso il canalino del passo di Vens, sotto lo splendido pendio canale del colle della Lausa avremmo dovuto risalire 400m per l’Ubac, ma l’orologio ci ricordava impietosamente che erano le 16 e 30, inoltre il volto del team femminile la diceva lunga sul loro desiderio di raggiungere il fondovalle; solo Tino con un velo di tristezza rinunciava a malincuore pensando alle strette curve saltate che avremmo potuto fare sul pendio del colle della Lausa.
Stoiche possiamo definire la Laura e la Bocia che nonostante la fatica non hanno mai mollato, anche se sulla Forcella Borgonio e serpeggiato visibile lo scoramento sui loro volti, forse pensavano già ad un bivacco fuori programma.
Il vallone superiore di Pontebernardo è notevole dal punto di vista ambientale e molto bello sciisticamente.
La traversata anche se monca della cima dell’Ubac è completa e di grande soddisfazione.

Comments

No thread yet?

Log in to post the first comment

No thread yet?

Log in to post the first comment

{{::post['created_at'] | amUtc | amLocal | amTimeAgo}}
  • es
  • ca
  • fr
  • en
  • de
  • eu