Marmolada - Punta Penia : per la forcella 3294m e la cresta est con discesa per la "via dei Russi"
{{ '2019-03-05' | amDateFormat:"dddd Do MMMM YYYY" }}

Marmolada - Punta Penia : per la forcella 3294m e la cresta est con discesa per la "via dei Russi"
{{ '2019-03-05' | amDateFormat:"dddd Do MMMM YYYY" }}

Elevation profile

Application mobile

View and save your outputs directly on the field using the Camptocamp mobile application.

Licence

General

activities

frequentation: quiet

condition_rating: average

partial_trip: yes

quality: fine

Download track as

Rating

3.3
PD+

heights

elevation min/max : 2074 m / 3300 m

height_diff: +1300 m / -1800 m

length_total: 13.0 km

Access

lift_status: closed

snow

elevation_up_snow: 2000 m

elevation_down_snow: 1600 m

snow_quantity: average

snow_quality: average

glacier_rating: possible

avalanche_signs: no

participants

andreamilano

route_description

Come da relazione

weather and conditions


Giornata spettacolare


Neve sufficiente per fare tutto.

timing

5 ore e mezza

personal comments

Non sono mai stato sulla Marmolada. Quindi oggi parto a caso decidendo sul da farsi strada facendo.

La piccola nevicata di ieri ha imbiancato leggermente da un dito a pochi cm, ammorbidendo un pò tutto. Dalla stazione a monte della bidonvia non vi è traccia. Così mi dirigo verso la Punta Penia facendo una mia traccia personale. Purtroppo non vedo segni di passi lungo il ripido canalone per il plateau sommitale. Ne individuo i cavi della ferrata. Vedo però delle vaghe tracce di passi verso la forcella poco sotto, e a est della vetta. Arrivato sotto le rocce che chiudono il catino nevoso, trovo con orrore un foro sopra quella che dovrebbe essere la terminale completamente nascosta dalla neve.

Quindi lascio gli sci qualche metro sotto per essere sicuro di essere sul labbro inferiore. E salgo con picca e ramponi verso le tracce di passi lavorate dal vento, e arrivo senza problemi alla forcella 3294m. Panorama superlativo sulle montagne a sud ed il precipizio sopra la Valle Ombretta. Da qua è già visibile un pezzo di croce di vetta. Ma la cresta con scarponi e ramponi non è semplicissima. Soprattutto se dovessi rifarla in discesa.

Quindi mi va bene così e torno indietro. Intanto due arrivano e si apprestano a tracciare la normale. Non ho voglia di seguirli, sarà per un'altra volta; adesso però ho capito dovè.

Discesa lungo i primi 300 metri su ottima polvere secca su fondo durissimo. Più giù ovviamente la neve fresca lascia il posto a zone di neve compatta. Seguo (erroneamente, ma qui non ci sono mai stato) delle tracce di sci che tagliano verso ovest, lungo bei pendii fin sotto alla mole del Vernel. Scendendo la neve peggiora decisamente ed incominciano a venirmi i dubbi sul fatto di riuscire a tornare alla diga lungo il "canyon" che non ho trovato.
Amen, seguo le tracce che da qualche parte pur andranno. Alla fine tutto converge in un sentiero, scavato un pò a toboga che con strette svolte scende ripido verso il fondovalle. Attenzione a farsi prendere la mano perchè si passa sopra dei precipizi. Il sentiero finisce nel letto del torrente Avisio e da qui devo spingere parecchio fino ad arrivare alla strada del fondovalle. Da qui poi fino ad Alba a piedi e sci in spalla per altri 4 km su asfalto.

Ho poi scoperto che il sentiero fatto si chiama "via dei Russi". In quanto costruito durante la prima guerra dai prigionieri russi degli austroungarici.

Comunque bellissima gita e bellissima avventura frutto di due errori di valutazione.

Associated routes

Associated articles

Associated xreports

Comments

No thread yet?

Log in to post the first comment

No thread yet?

Log in to post the first comment

{{::post['created_at'] | amUtc | amLocal | amTimeAgo}}
  • de
  • es
  • fr
  • eu
  • ca
  • en