Sci Alpinismo nella Svizzera Italiana

Informations

General

General

activities
book_types: topo

author: Franco Pecchio, Paolo Pogliaghi

editor: Tamari edizioni

publication_date: 2005

nb_pages: 152

isbn: 888043132-3

langs: it

quality: medium

Licence

Licence

description

Itinerari scelti partendo da Chiasso

Premessa degli autori
“Lo scialpinismo è profumo di cultura alpina sotto il manto nevoso; […] il paesaggio innevato e silenzioso è memoria e costante riferimento con funzione di rinnovata scoperta. Sci, racchette, attività sulla neve tutte. Intrecci di emozioni indimenticabili”. (Tratto dal pieghevole: Escursioni sulla neve in Valle di Blenio, 2001).
L’affollamento delle piste da sci, lo sviluppo di nuovi attrezzi come lo snowboard o gli sci fat, la nuova moda del freeride hanno determinato negli ultimi anni un incremento dei praticanti lo scialpinismo in tutte le sue forme, aumentando de facto il numero dei frequentatori della montagna invernale.
Le motivazioni che muovono i nuovi frequentatori sono la fuga dall’affollamento delle piste, la ricerca di nuove emozioni su terreni meno battuti e artificialmente preparati e, spesso, la necessità del contatto diretto con la natura. Ma non dimentichiamo che ogni scialpinista ricerca anche la solitudine, le discese emozionanti o la vetta “prestigiosa”. Ecco quindi la costante ricerca di mete poco frequentate dove ci si possa davvero confrontare con gli elementi naturali senza disdegnare il piacere di discese gratificanti se affrontate nelle condizioni più favorevoli.
La vicina Svizzera, ed in particolare il Cantone Ticino ed il Grigioni italiano (meta della maggior parte dei percorsi qui proposti) ben si presta ad offrire gite ove la natura è padrona, oppure gite spesso e volentieri non tracciate e tutte da scoprire. Gli itinerari qui descritti sono presentati secondo un ideale tragitto da S a Nord in senso orario e cercano di soddisfare queste aspettative e non mancheranno di stupire il lettore più esigente.
La grande varietà di ambienti offerta dal territorio in esame permette quasi sempre di individuare la gita adatta al proprio sport invernale, alla condizione fisica dei partecipanti alla gita, nonché alle condizioni nivologiche e meteorologiche.
Esistono nella letteratura specializzata già diverse pubblicazioni che hanno fatto conoscere ai più la bellezza di questo angolo delle Alpi. Due punti di riferimento in lingua italiana sopra tutti: “Dal Sempione allo Stelvio” dei compianti Gnudi e Malnati (CdA Torino, 1986) sino al più recente “Scialpinismo in Svizzera 411 itinerari scelti” di Fabrizio Scanavino e Fritz Gansser (CAS, 1999) guide complete e con molte più gite di questa: ma su una zona più vasta delle Alpi centrali o delle Alpi svizzere.
Lo sforzo fatto nella presente raccolta di circa 50 itinerari scelti, è stato quello di concedere il minimo spazio possibile a percorsi conosciuti, andando viceversa alla ricerca di gite inedite, quasi tutte alla portata di uno scialpinista medio, ideali anche per gli sciatori che si muovono dall’Italia.
Infatti sia la vicinanza geografica (mai oltre le due ore di macchina dall’Italia passando dalla dogana autostradale di Como-Brogeda), sia la varietà delle gite proposte, rendono questa regione appetibile e desiderabile per ogni appassionato, comprendendo difficoltà adatte ad ogni capacità: dalle ascensioni più semplici a quelle più impegnative, senza dimenticare che questo territorio comprende anche qualche interessante tremila, sempre ambita meta dello scialpinista.
Paolo Pogliaghi (CAS Ticino - GISM)
Franco Pecchio (CAI Milano - Scuola Mario Righini, GISM, skirando.camptocamp.com)

Comments

No thread yet?

Log in to post the first comment

  • ca
  • en
  • eu
  • fr
  • de
  • es